Link copied to your clipboard
Filter Timeline:
Elementi Appuntati
Attività recenti
  • CA.RI. COSTRUZIONI S.R.L. –Superbonus 110% - Condominio Lungotevere Flaminio, 70 – Roma

    28/02/2022 - in corso
    Il Superbonus 110% è una misura di incentivazione, introdotta dal decreto-legge “Rilancio” del 19 maggio 2020, che punta a rendere più efficienti e più sicure le abitazioni.
    Le due...
    CA.RI. COSTRUZIONI S.R.L. –Superbonus 110% - Condominio Lungotevere Flaminio, 70 – Roma

    28/02/2022 - in corso
    Il Superbonus 110% è una misura di incentivazione, introdotta dal decreto-legge “Rilancio” del 19 maggio 2020, che punta a rendere più efficienti e più sicure le abitazioni.
    Le due tipologie di intervento sono il Super Ecobonus e il Super Sismabonus.
    L’incentivo consiste in una detrazione del 110% che si applica sulle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2022 da ripartire tra gli aventi diritto in cinque quote annuali e, per la parte di spesa sostenuta nell’anno 2022, in quattro quote annuali di pari importo.
    Per ristrutturare la casa e accedere al bonus il beneficiario può decidere di esercitare l’opzione dello sconto in fattura. Alternativamente, il contribuente può sempre sostenere direttamente il costo dei lavori e decidere poi se utilizzare la detrazione in compensazione per pagare meno tasse o cedere il credito d’imposta a terzi (istituti di credito compresi).

    Il 28 febbraio 2022 hanno preso il via i lavori di consolidamento del palazzo nel quartiere romano Flaminio, Lungotevere 70, che nel 2016 aveva subito il crollo di 3 interi piani.
    In questi sei anni dal crollo, l’edificio è stato liberato dalle macerie e messo in sicurezza, garantendo la possibilità agli occupanti di tornare negli appartamenti non danneggiati. I lavori sono stati affidati alla società CARI Costruzioni, e termineranno entro la fine del 2023.
    Un progetto che prevede un consolidamento strutturale e un miglioramento sismico ed energetico, iniziato con l’allestimento dei cantieri nella delicata zona della città, dove è stata installata una gru e i ponteggi per la messa in sicurezza.
    L’opera, consentirà, inoltre, di migliorare l’efficienza dell’edificio, innalzandone la classe energetica, e verrà realizzata utilizzando gli incentivi dell’Ecobonus stanziati dal Governo, grazie al supporto di UniCredit, partner bancario di CARI. L’istituto ha sostenuto l’iniziativa concedendo un finanziamento specifico di 9,5 milioni di euro, e si è impegnato ad acquistare il relativo credito d’imposta, fino alla concorrenza di 17,5 milioni di euro.
    La maggior parte degli appartamenti del palazzo sono attualmente abitati, e ci sono anche diverse attività commerciali, come il Teatro Olimpico. Questo ha comportato molte difficoltà a livello progettuale.

    L’intervento punta innanzitutto ad intervenire sugli scompensi alle strutture, che necessitano di un rinforzo sin dalle fondamenta. Per individuare le criticità, è stata condotta un’accurata indagine strutturale, per delineare una rimodellazione dell’intero edificio, andando ad agire sulle strutture più sollecitate, permettendo così un impatto più contenuto delle lavorazioni, consentendo all’edificio di tornare pienamente funzionale.
    L’intervento strutturale costituirà un rinforzo delle strutture esistenti, utilizzando fibra di carbonio, mentre per la ricostruzione saranno usate strutture leggere in acciaio e calcestruzzo. Per quanto concerne la centrale termica e l’efficentamento energetico, saranno installate caldaie del tipo ibrido, trattando l’involucro esterno con la tecnica dell’insufflaggio eseguito con poliuretano espanso, gli infissi saranno in pvc ad alto isolamento, e saranno installati pannelli fotovoltaici in copertura. Tutti i materiali rispettano le norme CAM.
    Leggi altro
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • REBUILD MILANO-DOMODOSSOLA

    Dal 25 gennaio 2021, sono iniziati i lavori di ristrutturazione e ammodernamento della stazione di Milano Domodossola di FerrovieNord collocata tra Corso Sempione e il nuovo quartiere di CityLife. Ad oggi, alcuni punti sono stati realizzati, altri sono ancora in...
    REBUILD MILANO-DOMODOSSOLA

    Dal 25 gennaio 2021, sono iniziati i lavori di ristrutturazione e ammodernamento della stazione di Milano Domodossola di FerrovieNord collocata tra Corso Sempione e il nuovo quartiere di CityLife. Ad oggi, alcuni punti sono stati realizzati, altri sono ancora in lavorazione.

    L’obiettivo del progetto è stato fin da subito quello di uniformare lo stile della stazione ferroviaria alla modernità del quartiere, caratterizzato da edifici di grande design, architettura ed edilizia all’avanguardia, frutto del lavoro di architetti di fama internazionale.

    Il progetto, che prende il nome di “reMi.Do – Rebuild Milano Domodossola”, prevede la sostituzione di controsoffitti, pavimenti, rivestimenti e corpi illuminanti e l’adeguamento degli impianti elettrici. I lavori, che saranno realizzati da Euroelettrica Impianti Srl, interesseranno sia l’atrio, sia le banchine.
    Leggi altro
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Horti, il segreto di Porta Romana: residenze di lusso e giardini storici

    Il progetto di Horti, avviato da BNP Paribas a firma Michele de Lucchi, ha trasformato un’area dismessa di Porta Romana in un complesso residenziale immerso in un giardino storico aperto al pubblico.
    In pieno centro a...
    Horti, il segreto di Porta Romana: residenze di lusso e giardini storici

    Il progetto di Horti, avviato da BNP Paribas a firma Michele de Lucchi, ha trasformato un’area dismessa di Porta Romana in un complesso residenziale immerso in un giardino storico aperto al pubblico.
    In pieno centro a Milano, a due passi da Porta Romana, nasce Horti, riqualificazione di un complesso religioso del XIX secolo riconvertito in quartiere residenziale di lusso da Bnp Paribas Real Estate Property Development Italy. L’investimento, da circa 100 milioni di euro, ha trasformato un’area di 14.600 mq tra via Orti e via Lamarmora, realizzando circa 80 eleganti dimore in tre corpi distinti.

    Il giardino storico di Horti appartiene ora alla città; è stato aperto al pubblico dai primi di giugno 2022. Il giardino è oggi un angolo botanico con essenze ricercate e alberi ad alto fusto come tigli e cedri libanesi. Trovano spazio siepi e aiuole geometriche con piante aromatiche (lavanda, salvia, artemisia, calendule e anemoni). Il sistema di irrigazione è ad ala gocciolante, automatizzato e alimentato da un sistema di recupero dell’acqua piovana.

    La Villa, Orti e Lamarmora sono i tre edifici che compongono il complesso di “Horti, il segreto di Porta Romana”. Il progetto rispetta lo spirito dei luoghi esaltando le linee originali ottocentesche. Gli edifici storici, come la grande Villa, convivono con nuove architetture che si inseriscono nel lotto con un disegno armonioso. In Lamarmora si trovano ad esempio le tipiche case milanesi classiche; in via Orti abitazioni che appartengono al borgo.
    La Villa, posta al centro del parco con annessa la Chiesa dalla presenza monumentale, è stata storicamente costruita dalla famiglia Dumolard nell’ottocento con destinazione di casa di cura e ricovero per anziani. Grazie al progetto di ristrutturazione è stata riportata all’impianto originario eliminando gli interventi e gli ampliamenti stratificati nel tempo che ne avevano alterato la struttura. La Chiesa è stata destinata ad uso ufficio mentre la Villa accoglie dimore di pregio e di ampie metrature.
    Il nuovo edificio che chiude il fronte verso via Lamarmora è realizzato su sei livelli, con grandi vetrate e finiture moderne.L’edificio verso via Orti racchiude invece il parco in continuità con il vecchio borgo ed è costituito da ville indipendenti disposte su più livelli con uno stile che richiama gli stilemi dell’architettura milanese. Le abitazioni dispongono di giardino privato, di cantine e deposito bici privato.
    Leggi altro
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • La NuovaGAMeC di Bergamo: approvato il progetto di C+S Architects

    Presentato a maggio il progetto preliminare per la nuova GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea – di Bergamo. A trent’anni dalla sua fondazione, GAMeC nascerà dalla riqualificazione del palazzetto dello Sport di via...
    La NuovaGAMeC di Bergamo: approvato il progetto di C+S Architects

    Presentato a maggio il progetto preliminare per la nuova GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea – di Bergamo. A trent’anni dalla sua fondazione, GAMeC nascerà dalla riqualificazione del palazzetto dello Sport di via Pitentino.

    Firmato da C+S Architects, Carlo Cappai, Maria Alessandra Segantini, il progetto prevede il mantenimento della struttura ellittica dell’impianto sportivo, la demolizione delle tribune e l’inserimento di un nuovo volume che conterrà l’area espositiva e tutti i servizi distribuiti su quattro piani fuori terra e un piano interrato. La superficie complessiva sarà di circa 6.000 metri quadrati.
    Verrà mantenuta la posizione dell’ingresso principale su piazzale Oberdan; il progetto prevede l’abbassamento dell’attuale avancorpo in modo da costruire un portale che consenta allo spazio pubblico di fluire all’interno del foyer del museo, una vera e propria piazza interna a tutta altezza in continuità con la piazza esterna.
    Il percorso espositivo del museo inizia già al piano terra, dato che foyer è pensato come uno spazio multifunzionale attrezzato per l’allestimento di installazioni e di opere di grandi dimensioni.

    Il piano d’ingresso ospita inoltre il bookshop e alcune salette didattiche informali mentre, in posizione opposta all’ingresso, sono stati collocati gli uffici del museo e un’area commerciale che si affaccia verso il nuovo studentato dell’area Montelungo-Colleoni.
    Gli spazi dedicati alla collezione permanente e quelli per le mostre temporanee, al secondo e al terzo piano, sono accessibili separatamente in modo da non ostacolare la fruizione della sezione permanente durante l’allestimento delle mostre. L’ultimo piano è quasi interamente occupato dal ristorante panoramico, accessibile anche quando il museo è chiuso, e da una grande terrazza panoramica.

    L'intervento avrà un costo complessivo di circa 18 milioni di euro, (oltre 6 milioni provenienti da un finanziamento del Pnrr) nell'ambito del bando rigenerazione urbana, altri 6 milioni promessi nel 2017 da Fondazione UBI Banca Popolare. L'inizio del cantiere è previsto dopo la chiusura della prossima stagione sportiva, ovvero intorno alla primavera del 2023: nei prossimi mesi sarà realizzata la progettazione esecutiva della struttura, seguiranno le procedure di gara europea previste dalle norme e infine l'assegnazione dei lavori.
    Leggi altro
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Hi Green: un progetto di rigenerazione

    Il Prisma, società internazionale di architettura, firma Hi Green, una ristrutturazione destinata a uffici. A Roma, all’Eur, la rigenerazione dell’ex sede Wind di proprietà della SavillsInvestment Management Sgr.
    Nel progetto di rigenerazione dell’ex...
    Hi Green: un progetto di rigenerazione

    Il Prisma, società internazionale di architettura, firma Hi Green, una ristrutturazione destinata a uffici. A Roma, all’Eur, la rigenerazione dell’ex sede Wind di proprietà della SavillsInvestment Management Sgr.
    Nel progetto di rigenerazione dell’ex palazzo della Wind, il team Cityscape de Il Prisma ha capovolto lo sguardo, dal piano terra al piano copertura, scoprendo così che l’edificio, in apparenza introverso e slegato dal contesto circostante, si trova immerso in una ricca cornice verde dei giardini e parchi della città. Caratteristica del progetto è infatti la presenza del verde; il verde dell’area, dal parco delle Tre Fontane fino alla Tenuta di Tormarancia, avanza nello spazio business, innestando nuovi dialoghi e generando nuove dinamiche di valore e di vita, all’interno e all’intorno dell’edificio.
    La riqualificazione comincia dal piano di copertura, una superficie di 1.200 metri quadrati calpestabili. Fioriere e nuovi punti panoramici, posti su una struttura di metallo, trasformano il tetto tecnico in una terrazza viva e verde.
    Stefano Carone, managing partner de Il Prisma spiega “la pandemia e il ricorso allo smart working hanno trasformato la progettazione degli uffici, che rimangono comunque una presenza fondamentale per le città. Con questo progetto abbiamo plasmato i nuovi spazi e sposato il tema della sostenibilità”.
    Gli uffici dunque, non scompariranno, rimanendo luoghi essenziali a promuovere senso di appartenenza, ingaggio e innovazione. Gli spazi di lavoro e le tecnologie digitali dovranno però evolvere, interpretando e prefigurando quella trasformazione relativa alle esigenze che la pandemia ha innescato o semplicemente accelerato.
    Leggi altro
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Novatek Ad
    Consolidamento fondazioni
    https://www.novatek.it/
    Novatek, consolidamento fondazioni con Micropali e resine espandenti di case e capannoni.
  • Il Rifugio Digitale di Archea Associati

    Il 13 aprile, in via della Fornace 41 a Firenze si è inaugurato il Rifugio Digitale, uno spazio espositivo che nasce dalla riqualificazione di un ex tunnel antiaereo, con un progetto architettonico di Archea Associati e la programmazione degli eventi a...
    Il Rifugio Digitale di Archea Associati

    Il 13 aprile, in via della Fornace 41 a Firenze si è inaugurato il Rifugio Digitale, uno spazio espositivo che nasce dalla riqualificazione di un ex tunnel antiaereo, con un progetto architettonico di Archea Associati e la programmazione degli eventi a cura di Forma Edizioni. Durante l'inaugurazione, architettura, design, fotografia, cinema, letteratura e altre forme artistiche ed espressive si sono mischiate all'interno di questa dimensione dialogando tra di loro. L'evento è stato inaugurato dall’artista Fabrizio Plessi, l’alchimista contemporaneo tra i primi sperimentatori della videoarte in Italia, che ha presentato per l’occasione una sua opera inedita site-specific in collaborazione con la Tornabuoni Arte. L’artista esporrà, fino al 31 maggio la sua opera inedita dal titolo “Oro”, mentre la casa editrice Forma Edizioni ospiterà mostre, eventi, performances, visioni inedite, e non solo, attraverso 16 schermi disposti lungo i 33 metri del tunnel. Secondo l’artista Fabrizio Plessi “Il Rifugio Digitale non è altro che un innovativo incrocio culturale che, proprio in una città come Firenze, trova stimolo per confrontarsi e sovrapporsi al preesistente”. Il “Rifugio della Fornace”, un tempo luogo di riparo da una realtà tragica usato come nascondiglio contro i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, è ora “Rifugio Digitale”, luogo di rinascita e vita, che vuole promuovere la tecnologia che incontra l’arte, dando vita ad uno spazio contemporaneo in cui è possibile esplorare la creatività attraverso il linguaggio attuale tech. Uno spazio progettato per adattarsi ai cambiamenti e alle trasformazioni del nostro tempo, seguendo l'evolversi culturale e artistico del nostro Paese. Si tratta di un'opera dinamica, dotata di una nuova ed entusiasmante velocità che la distingue da una tradizionale galleria d’arte. Firenze potrà con orgoglio godere di uno spazio in cui la connessione tra arti, persone e tecnologia regala un'esperienza di visita intensa, inattesa e interattiva.
    Leggi altro
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Federica Seregni è entrata nel gruppo
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Cover App Ad
    Cover App è specializzata nella realizzazione di un innovativo davanzale coibentato brevettato, nuova frontiera dell'isolamento termico.
    Cover App
    https://www.edilbim.it/brands/cover-app/
  • Casarini Roberta è entrata nel gruppo
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Facchiano Enrico è entrata nel gruppo
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Antonio Dorigoni è entrata nel gruppo
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Cappellini Maurizio è entrata nel gruppo
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • White Rex project è entrata nel gruppo
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
Non ci sono ancora attività.
Impossibile caricare il contenuto. Riprova.