Link copied to your clipboard
Filter Timeline:
Elementi Appuntati
Attività recenti
  • WF Architects adapts an apartment in Vitra Building into a family apartment.

    Sophisticated and contemporary, the architecture of interiors interacts with the project signed by Daniel Libeskind.

    One of the most recent architectural icons in São Paulo capital, the Vitra Building located at Itaim...
    WF Architects adapts an apartment in Vitra Building into a family apartment.

    Sophisticated and contemporary, the architecture of interiors interacts with the project signed by Daniel Libeskind.

    One of the most recent architectural icons in São Paulo capital, the Vitra Building located at Itaim neighborhood, has the signature of the distinguished Polish architect, naturalized American Daniel Libeskind. The project drew the attention of a couple with a two-year old daughter and another child on the way. As art and architecture lovers, they liked the bold project so much that they purchased a 600-m2 apartment.

    In order to meet the needs, the original project plan needed to be adapted without losing its essence. To do so, they counted on the talent of the architects Beatriz Fujinaka and Stephanie Nigri Wolff, from WF Architects, who converted the four small master bedrooms into three larger size master bedrooms and a closet plus one individual master for the couple, each with their own toilet and closet. “In addition we incorporated the small open porch and the TV room by making one big room fully integrated. We have also opened the kitchen to have a dining area. ”they say.

    They have overcome many challenges of the large, irregular and asymmetric area for the desired results. “The external walls make irregular corners and many times show that they are leaning vertically. Loose round pillars that are spread all around the living room and the bedrooms compose the structure. By these means, it is not possible to think about very conventional plants.”

    Therefore, Beatriz and Stephanie opted for layouts that are more fluid. The living room free of walls and signalized only by the pillars allowed the furniture to be harmoniously placed. “We selected sofas, tables and armchairs of great dimensions and created a subtle division between the living room and the TV room. A low leather poof makes the division and integration of the area.” 

    The shower area was designed with wide dimensions just like a private spa. According to clients ‘request who wanted somewhere in the apartment an indoor garden, the architects chose that spot to be. “We have made a wood lath-work ceiling that simulates zenithal natural lighting and we have created a dry garden with plants that require very little water and light.” 

    Creative solutions

    As the project has a glass instead of external walls, the environments get visibly cold. In order to provide warmth to the place, the architects covered the coating and the walls of the social area with oak, which can be also found on the floors and in the bedroom area. Other innovations are rugs, fabrics and curtains giving a pleasant touch. Inspired by the architectural style of the building, a marble bench runs the living room perimeter providing a singular area. 

    The carpentry of WF Architects is a highlight. With a clean design, it has details, which accents the apartment like the 4-meter length sideboard that looks like crossing the round column providing lightness to the area. The doors that divide the rooms open themselves and when they close, they disappear and look like part of the room. The walls of the hallway, which lead to the bedrooms, have panels coating with Ash leaf, which are responsible for the lighting.

    In the decor, imported pieces are predominant. The Flag Halyard armchairs, created by Hans Wegner; an Alceo dining table by Antonio Citterio (B&B Italia); Mills chairs and side tables by Rodolfo Dordoni (Minotti); a pendent by Jason Miller (Roll&Hill); linen sofas by Minotti; blue leather armchairs by Franco Albini (Cassina); and a Giuseppe Manzoni, (Baxter), armchair in the master bedroom. The Brazilian touch shows up on a piece of the Campana brothers on the main hallway and on an artwork of Vik Muniz in the master bedroom.

     

    Author: WF Architects

    Location: Itaim Bibi, São Paulo, SP

    Project year: 2012

    Constructed area: 600-m2

    Photo Credits: Gabriel Arantes

    Coatings: a crema marfil levigated marble floor, walls coated with Ash wood paneling and an American oak lining on the social areas and kitchen; oak floors in the bedrooms; oak floors on the dry areas and crema marfil levigated marble floor in the shower, walls and bathroom countertops in the master bedroom; floors, walls and white marble countertops in guest and baby´s bathrooms. In this last, shelves are made of red silestone; the sink in the small bathroom in marble with the front polished stainless steel.
    Leggi altro
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Draco Edilizia:
    È con orgoglio che abbiamo fornito soluzioni e professionalità nelle attività di manutenzione dello splendido viadotto Surdolo, sulla A3 nei pressi di Cava dei Tirreni.

    Tra le principali tecnologie impiegate per il recupero delle strutture in calcestruzzo armato ci sono: una...
    Draco Edilizia:
    È con orgoglio che abbiamo fornito soluzioni e professionalità nelle attività di manutenzione dello splendido viadotto Surdolo, sulla A3 nei pressi di Cava dei Tirreni.

    Tra le principali tecnologie impiegate per il recupero delle strutture in calcestruzzo armato ci sono: una malta cementizia tixotropica a espansione contrastata in aria (Flueco 80T Fiber) e un rivestimento con sistema protettivo elastico a base poliuretanica (Poliflex PP).

    Entrambi i prodotti sono marcati CE in accordo con la norma UNI EN 1504 che ne definisce requisiti, controllo di qualità e valutazione della conformità.

    FLUECO 80 T FIBER.è una malta premiscelata a base cementizia, monocomponente, fibrorinforzata con fibre polimeriche ad azione microstrutturale e fibroarmata con fibre inorganiche alcali resistenti, inossidabili e flessibili da mescolare con acqua per ottenere impasti tixotropici a ritiro compensato in aria. FLUECO 80 T FIBER sviluppa alte resistenze meccaniche iniziali e finali, è impermeabile, durevole anche in ambienti altamente aggressivi e garantisce un’elevata adesione all’acciaio e al calcestruzzo. FLUECO 80 T FIBER è resistente all’aggressione chimico-ambientale ed è idoneo a tutte le classi di esposizione previste dalla UNI 11104.

    POLIFLEX PP è una resina poliuretanica alifatica elastica bicomponente in fase solvente, con ottime caratteristiche di resistenza chimica e flessibilità, ideale per la finitura protettiva di strutture in calcestruzzo armato sia nuove che ripristinate con le malte della linea FLUECO. POLIFLEX PP si applica a rullo o spruzzo (airless) realizzando un rivestimento filmogeno ad elevata capacità protettiva e di resistenza alla fessurazione (crack bridging ability).
    Leggi altro
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • In the bustling center of Athens, the 6th floor apartment of a typical 1960’s building block is transformed into a contemporary penthouse (‘retire’).

    The new proposal includes the reorganization of the previous floor plan in order to maximize functionality, optimize circulation and take...
    In the bustling center of Athens, the 6th floor apartment of a typical 1960’s building block is transformed into a contemporary penthouse (‘retire’).

    The new proposal includes the reorganization of the previous floor plan in order to maximize functionality, optimize circulation and take advantage of the city view. After all, creating a connection with the urban surrounding - through a combination of diverse forms, textures, materials and colors – is a basic tenet.

    During the renovation process, the need of creating a constant dialogue between existing and contemporary elements, emerged. Exposed concrete ceilings, revived wooden floors, marble sinks and curved details are combined with metal structures, wooden surfaces, natural materials, various qualities of glasses and handmade coatings.

    The overall effect is a merge of diverse aesthetics, deriving from diverse decades, in a diverse environment –achieving a diverse yet uniform intervention.

    A project by MADO SAMIOU
    Leggi altro
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Approvato il progetto di riqualificazione del lungomare di Bari

    Con l'approvazione da parte della Giunta Comunale di Bari, si è dato il via al progetto di recupero dell'area del lungomare di Bari che va da Santa Scolastica, prosegue per il molo Sant'Antonio e arriva fino al molo San Nicola.

    Il...
    Approvato il progetto di riqualificazione del lungomare di Bari

    Con l'approvazione da parte della Giunta Comunale di Bari, si è dato il via al progetto di recupero dell'area del lungomare di Bari che va da Santa Scolastica, prosegue per il molo Sant'Antonio e arriva fino al molo San Nicola.

    Il progetto, partendo da uno studio di fattibilità, è stato affidato allo studio di architettura G.L. Sylos Labini e Partners, a seguito di un concorso di progettazione indetto dall'amministrazione comunale.

    Verrà innanzitutto rimodernato il sistema di banchine fra il molo Sant'Antonio e il teatro Margherita tramite la realizzazione di pontili e piattaforme fisse multifunzionali, con vasche profonde 20 centimetri con sabbia stabilizzata che potranno essere attraversate dai passanti.
    Seguirà la creazione di un percorso pedonale in acciaio e pavimentazione in pietra che fungerà da collegamento tra le banchine.

    La riqualificazione vedrà poi la realizzazione di opere marittime di difesa, con una scogliera antistante il molo Sant'Antonio che comprenderà due barriere frangiflutto delle cinque presenti. Qui sorgerà inoltre un edificio in cui verranno adibiti il nuovo Museo del mare, un infopoint e una caffetteria.

    Tra i lavori previsti vi è infine il ricollocamento funzionale delle attività situate sul molo San Nicola. Per le attività di mercato del pescato fresco, verrà effettuato adeguamento architettonico per consentire alle attività di rafforzare le norme igieniche e di sicurezza tramite la ealizzazione di cinque unità attrezzate. Il Giardino De Andrè situato nei pressi del molo, poi, sarà oggetto di manutenzione avendo cura di salvaguardarne la storica configurazione originaria.
    Leggi altro
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Casa Futuro, il progetto firmato Boeri per il recupero di Amatrice


    Lo studio Stefano Boeri Architetti è ad opera di un nuovo progetto dedito alla ricostruzione del Complesso Don Minozzi di Amatrice. La città, colpita dal sisma nel 2016, vede nel complesso un luogo di grande importanza storica...
    Casa Futuro, il progetto firmato Boeri per il recupero di Amatrice


    Lo studio Stefano Boeri Architetti è ad opera di un nuovo progetto dedito alla ricostruzione del Complesso Don Minozzi di Amatrice. La città, colpita dal sisma nel 2016, vede nel complesso un luogo di grande importanza storica per tutto il territorio.

    Il progetto, volto a recuperare il 60% del volume complessivo delle macerie, creerà a partire dal complesso Casa Futuro, una nuova struttura polifunzionale per l’accoglienza e la ricerca per le nuove generazioni.

    Innanzitutto, il progetto resterà fedele agli elementi caratteristici della struttura originale tra cui i porticati, i disegni sulle facciate e gli spazi aperti in allineamento con la caratteristica Fontana delle Pecore, la Torre Civica di Amatrice e la chiesa di Santa Maria Assunta.

    Per quanto riguarda la strutturazione, Casa Futuro sarà suddivisa in quattro macro aree che presenteranno un impianto a corte.
    A nord sorgerà la Corte Civica, futura sede rettangolare su due piani che ospiterà diverse funzioni amministrative quali la sede comunale, biblioteca pubblica e sale polifunzionali.

    Nella parte centrale sarà istituita la Corte Del Silenzio, dove sarà situata la Casa Madre dell'Opera Nazionale e le residenze dei religiosi. Quest'area su due piani fuori terra fungerà da luogo di accoglienza e sede di case di riposo, ambienti liturgici e museali.

    A ovest, la Corte dell'Accoglienza vedrà diverse sale adibite a mensa, attività ricreative e formative. Verrà inoltre ripristinato il teatro auditorium per poter ospitare convegni, eventi e organizzare spettacoli.

    Infine, sarà istituita su un unico livello fuori terra la Corte delle Arti e dei Mestieri, grazie alla quale verranno implementati laboratori didattici e spazi di trasformazione di prodotti locali.

    Per la realizzazione della struttura verranno presi tutti gli accorgimenti antisismici e il recupero delle acque piovane; verranno inoltre implementati 930 mq di pannelli fotovoltaici in copertura.

    Crediti foto: Stefano Boeri Architetti
    Leggi altro
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Fondital Ad
    Fondital, radiatori caldaie termosifoni
    https://www.fondital.com/it/it/
  • Il masterplan di Renzo Piano per il campus Bovisa-Goccia del Politecnico di Milano


    Alla presenza del Sindaco di Milano Giuseppe Sala, dell'assessore allo Sviluppo Città metropolitana, Giovani e Comunicazione della Regione Lombardia Stefano Bolognini e del Rettore Ferruccio Resta, si è svolta...
    Il masterplan di Renzo Piano per il campus Bovisa-Goccia del Politecnico di Milano


    Alla presenza del Sindaco di Milano Giuseppe Sala, dell'assessore allo Sviluppo Città metropolitana, Giovani e Comunicazione della Regione Lombardia Stefano Bolognini e del Rettore Ferruccio Resta, si è svolta la presentazione da parte del grande architetto Renzo Piano del progetto di rivalutazione del campus del Politecnico di Milano.

    Il progetto, che riguarda l'area di 32 ettari degli ex gasometri, prevede la creazione di campus all'aperto ed ecosostenibile, i cui nuovi edifici verranno digitalizzati per permettere la gestione dei consumi di ogni ambiente. Per la realizzazione degli edifici è inoltre prevista una copertura con pannelli solari: l'obiettivo principale del progetto è infatti quello di creare indipendenza energetica e azzerare le emissioni CO2 del sito, creando una realtà "aperta, verde e permeabile".

    I nuovi edifici comprenderanno aule e laboratori del Politecnico con a fianco due residenze per studenti da 500 posti; verranno poi adibiti dei laboratori di ricerca, strutture dedicate al food e diverse Scuole civiche, oltre che una startup che occuperà un'area di 35.000 metri quadridedicata alle startup.

    Verrà inoltre creato un collegamento con l'esterno tramite un grande ciclo pedonale situato tra i gasometri e il campus Lambruschini.

    Tra le diverse aree verranno piantati grandi alberi e il livello a terra del campus verrà realizzato in modo che sia completamente trasparente: così facendo, per gli studenti e i visitatori sarà possibile immergersi completamente in un paesaggio verde.

    L'area dei gasometri, infine, non verrà completamente eliminata: la prima parte del recupero dell'area, per la quale si stimano 24 mesi di lavori a partire da questa primavera, verterà sulla demolizione controllata del sito per preservare le sue caratteristiche gabbie di metallo. Il completamento dell'opera è previsto invece per l'anno 2026.
    Leggi altro
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Il nuovo Parco della Giustizia a Bari, il progetto di Alfonso Femia

    Il concorso indetto dall'Agenzia del Demanio per la riqualificazione urbana della zona delle Ex Casermette Milano e Capozzi a Bari, è stato vinto dal progetto di Alfonso Femia, influente architetto nel campo della rigenerazione...
    Il nuovo Parco della Giustizia a Bari, il progetto di Alfonso Femia

    Il concorso indetto dall'Agenzia del Demanio per la riqualificazione urbana della zona delle Ex Casermette Milano e Capozzi a Bari, è stato vinto dal progetto di Alfonso Femia, influente architetto nel campo della rigenerazione urbana con numerose opere in tutta Europa.

    L'architetto Femia è fondatore di Atelier(s) Alfonso Femia, situati nelle città di Genova, Milano e Parigi e i cui team prendono ispirazione dalle variegate esperienze e caratteristiche delle tre città per la realizzazione dei progetti. Gli Atelier(s), infatti, studiano la relazione contemporanea che intercorre tra la città, il territorio e l’architettura per dare forma a soluzioni innovative.

    Il progetto di Atelier(s) Alfonso Femia, in collaborazione con Proger, Magnanimo Ingegneri Associati e Land Italia, prevede su una superficie complessiva di circa 150.000 metri quadrati, 37.000 adibiti a sede del nuovo tribunale e degli edifici giudiziari. Il restante spazio di 105.000 metri quadrati, quindi gran parte del progetto, vedrà la realizzazione di un Parco Verde, volto a incrementare la forestazione urbana e arricchire la biodiversità del territorio fornendo un grande spazio pubblico green all'interno della città di Bari. Quest'area verde, poi, verrà ulteriormente arricchita con circa 7500 metri di lago artificiale.
    L'accesso alle aree funzionali degli edifici della giustizia sarà garantito da percorsi ciclo-pedonali che percorrono il quartiere da nord a sud.

    La presenza della vegetazione costituirà la quasi totalità della superficie del progetto, creando un connubio tra la natura e gli edifici.
    Con questo progetto, verranno infatti soddisfatte non solo le esigenze della giustizia, ma anche della comunità barese grazie alla realizzazione di un innovativo contesto ambientale: oltre al verde esterno, i palazzi saranno costruiti secondo criteri di sostenibilità ambientale, sociale ed economica, tenendo a mente il risparmio energetico e l'utilizzo di tecnologie di ultima generazione.
    Non si tratta quindi di una semplice nuova sede amministrativa della giustizia, bensì un quartiere innovativo dotato di spazi all'aperto per tutti i cittadini.

    L’intervento di riqualificazione, che si divide per aree funzionali, avverrà per lotti ed annualità successive: la consegna del primo lotto, seguendo il cronoprogramma del Demanio, verrà effettuata nell'anno 2026. La demolizione dei vecchi edifici sarà il primo passo per la realizzazione dell'opera.


    Crediti foto: AF517
    Leggi altro
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Ranghetti Art Proget è entrata nel gruppo
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Nasce Amaranta a Bari, nella ex villa dei Capriati una casa per le vittime di tratta

    In una villa confiscata al clan Capriati, sul litorale di San Giorgio, è stata inaugurata la prima drop house destinata alle donne vittime di tratta: un centro diurno che sarà luogo di ascolto, aggregazione,...
    Nasce Amaranta a Bari, nella ex villa dei Capriati una casa per le vittime di tratta

    In una villa confiscata al clan Capriati, sul litorale di San Giorgio, è stata inaugurata la prima drop house destinata alle donne vittime di tratta: un centro diurno che sarà luogo di ascolto, aggregazione, formazione e inclusione lavorativa, promosso dalla cooperativa sociale C.A.P.S. e dall'associazione Micaela onlus in partenariato con la cooperativa sociale ARTES, l'associazione culturale Origens e con il sostegno del Comune di Bari.

    La struttura, affacciata sul mare ed estesa su una superficie di circa 600 mq (di cui 180 mq coperti e 420 mq scoperti, tra porticato e giardino), era stata concessa dal Comune di Bari nel 2009 al C.A.P.S., con il fine di riconvertirla a fini sociali.

    L'immobile è stato oggetto di importanti lavori di ristrutturazione e di un progetto di riconversione funzionale, finanziato dalla Fondazione Con il Sud nell'ambito del Bando "Iniziativa Immigrazione 2017".
    Gli interventi hanno riguardato l'intero complesso e le aree esterne, trasformando la villa in un centro accogliente e moderno, dotato di due uffici, una sala polifunzionale, servizi igienici, magazzino e porticato esterno, con affaccio su un'ampia area a verde impreziosita da prato calpestabile.

    L'idea del progetto Amaranta, è quella di proporre azioni di emersione, presa in carico, formazione e inserimento lavorativo delle vittime nel campo della ristorazione e dell'ospitalità turistica.
    Le risorse per la ristrutturazione del bene confiscato e lo start-up delle attività ammontano a circa 500.000 euro, di cui 380.000 finanziati dalla Fondazione Con il Sud, 100.000 di cofinanziamento da parte dei soggetti del partenariato e 20.000 finanziati dal Dipartimento per le Pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei ministri, nell'ambito dei progetti di assistenza alle vittime di tratta, di cui la Regione Puglia è capofila.
    Leggi altro
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Genova: 5 caseggiati, 130 appartamenti, un significativo intervento di Efficientamento Energetico.

    Proseguono i lavori di riqualificazione energetica sugli edifici
    di Via Porro - Via del Campasso da parte di Iren Smart Solutions, aggiudicataria nel 2021 della gara indetta da Spim Genova Spa per...
    Genova: 5 caseggiati, 130 appartamenti, un significativo intervento di Efficientamento Energetico.

    Proseguono i lavori di riqualificazione energetica sugli edifici
    di Via Porro - Via del Campasso da parte di Iren Smart Solutions, aggiudicataria nel 2021 della gara indetta da Spim Genova Spa per la progettazione e realizzazione degli interventi, oltre che per la gestione e manutenzione degli impianti.

    130 appartamenti che, beneficiando della detrazione Superbonus, otterranno un significativo risparmio dato dall'IsolamentoTermico dell'involucro, l’installazione di impianti a Pompe Di Calore e di pannelli solari termici e da una più attenta gestione del calore.

    Per trasformarsi in simbolo non solo di rinascita, ma anche di efficienza, inclusione e sostenibilità.
    Leggi altro
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Fintek Ad
    Climatizzatori senza unità esterna
    Fintek
    https://www.finteksrl.com/
  • La nuova piazza Dante di Bergamo

    La nuova Piazza Dante, inaugurata a luglio, è un tassello fondamentale della riqualificazione del Centro di Bergamo.
    Il progetto ha seguito un iter durato circa 5 anni.

    Piazza Dante è il primo tassello di un progetto di rifunzionalizzazione che punta a...
    La nuova piazza Dante di Bergamo

    La nuova Piazza Dante, inaugurata a luglio, è un tassello fondamentale della riqualificazione del Centro di Bergamo.
    Il progetto ha seguito un iter durato circa 5 anni.

    Piazza Dante è il primo tassello di un progetto di rifunzionalizzazione che punta a ripensare il centro città alla luce delle trasformazioni che in cento anni Bergamo ha registrato.
    Le soluzioni progettuali adottate, frutto di un confronto tra Amministrazione, Soprintendenza e progettisti, evidenziano un’attenzione particolare al manto della piazza, con la sostituzione dell’asfalto con una pavimentazione in pietra che si armonizza a quella del resto dello spazio antistante la Procura. La fontana mantiene la centralità della piazza innescando però un nuovo dialogo con l’ingresso principale all’ex Albergo Diurno, struttura di 1.200 metri quadri chiusa nel 1978 e acquistata per 791mila euro da una cordata di imprenditori.
    Nel 2010 erano già stati realizzati lavori di restauro sulla fontana: si trattò allora di un restauro condotto in opera senza lo smontaggio dei vari pezzi che compongono la fontana.
    L‘intervento realizzato si è posto l’obiettivo di mantenere tutto ciò che è stato fatto nel 2010 e che ha dimostrato di aver conseguito risultati soddisfacenti. Per molte operazioni si è trattato solo di integrare e riprendere quanto era già stato realizzato, estendendolo alle parti interne del manufatto inaccessibili durante il restauro eseguito senza smontaggio.

    Alla grande scalinata circolare si accompagnano le necessarie uscite di sicurezza che dovranno servire lo spazio ipogeo, che hanno sbocco sulla piazza attraverso delle scale coperte, per evitarne il degrado, con piccoli volumi in gran parte vetrati, onde consentire la piena percezione dello spazio pubblico. Anche l’ingresso principale, in asse con piazzetta Piave, è stato ridimensionato con una forma circolare, il cui parapetto è anch’esso interamente vetrato, per ridurne al minimo l’impatto.
    La ditta che ha eseguito i lavori di restauro è la Giovanni Nicoli Restauri, ditta bergamasca che vanta una lunga tradizione nel campo del restauro conservativo di opere d’arte.
    Leggi altro
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Residenza "Zanchi" Bergamo

    ETS S.p.A. - Engineering and Technical Services ha progettato e diretto l’intervento di manutenzione straordinaria della residenza “Zanchi”, edificio residenziale bifamiliare di pregio posizionato nell’area urbana di Bergamo.

    I lavori sono stati progettati e...
    Residenza "Zanchi" Bergamo

    ETS S.p.A. - Engineering and Technical Services ha progettato e diretto l’intervento di manutenzione straordinaria della residenza “Zanchi”, edificio residenziale bifamiliare di pregio posizionato nell’area urbana di Bergamo.

    I lavori sono stati progettati e realizzati secondo criteri che hanno permesso di ottenere elevati standard di efficientamento energetico, mediante l’isolamento di superfici opache e trasparenti, il rifacimento degli impianti e l’installazione di pannelli fotovoltaici, anche permettendo l’accesso alle agevolazioni fiscali del Superbonus 110%.

    I lavori sono stati eseguiti da Macos S.r.l.

    Photo credits: ETS S.p.A. - Engineering and Technical Services
    Leggi altro
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • CA.RI. COSTRUZIONI S.R.L. –Superbonus 110% - Condominio Lungotevere Flaminio, 70 – Roma

    28/02/2022 - in corso
    Il Superbonus 110% è una misura di incentivazione, introdotta dal decreto-legge “Rilancio” del 19 maggio 2020, che punta a rendere più efficienti e più sicure le abitazioni.
    Le due...
    CA.RI. COSTRUZIONI S.R.L. –Superbonus 110% - Condominio Lungotevere Flaminio, 70 – Roma

    28/02/2022 - in corso
    Il Superbonus 110% è una misura di incentivazione, introdotta dal decreto-legge “Rilancio” del 19 maggio 2020, che punta a rendere più efficienti e più sicure le abitazioni.
    Le due tipologie di intervento sono il Super Ecobonus e il Super Sismabonus.
    L’incentivo consiste in una detrazione del 110% che si applica sulle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2022 da ripartire tra gli aventi diritto in cinque quote annuali e, per la parte di spesa sostenuta nell’anno 2022, in quattro quote annuali di pari importo.
    Per ristrutturare la casa e accedere al bonus il beneficiario può decidere di esercitare l’opzione dello sconto in fattura. Alternativamente, il contribuente può sempre sostenere direttamente il costo dei lavori e decidere poi se utilizzare la detrazione in compensazione per pagare meno tasse o cedere il credito d’imposta a terzi (istituti di credito compresi).

    Il 28 febbraio 2022 hanno preso il via i lavori di consolidamento del palazzo nel quartiere romano Flaminio, Lungotevere 70, che nel 2016 aveva subito il crollo di 3 interi piani.
    In questi sei anni dal crollo, l’edificio è stato liberato dalle macerie e messo in sicurezza, garantendo la possibilità agli occupanti di tornare negli appartamenti non danneggiati. I lavori sono stati affidati alla società CARI Costruzioni, e termineranno entro la fine del 2023.
    Un progetto che prevede un consolidamento strutturale e un miglioramento sismico ed energetico, iniziato con l’allestimento dei cantieri nella delicata zona della città, dove è stata installata una gru e i ponteggi per la messa in sicurezza.
    L’opera, consentirà, inoltre, di migliorare l’efficienza dell’edificio, innalzandone la classe energetica, e verrà realizzata utilizzando gli incentivi dell’Ecobonus stanziati dal Governo, grazie al supporto di UniCredit, partner bancario di CARI. L’istituto ha sostenuto l’iniziativa concedendo un finanziamento specifico di 9,5 milioni di euro, e si è impegnato ad acquistare il relativo credito d’imposta, fino alla concorrenza di 17,5 milioni di euro.
    La maggior parte degli appartamenti del palazzo sono attualmente abitati, e ci sono anche diverse attività commerciali, come il Teatro Olimpico. Questo ha comportato molte difficoltà a livello progettuale.

    L’intervento punta innanzitutto ad intervenire sugli scompensi alle strutture, che necessitano di un rinforzo sin dalle fondamenta. Per individuare le criticità, è stata condotta un’accurata indagine strutturale, per delineare una rimodellazione dell’intero edificio, andando ad agire sulle strutture più sollecitate, permettendo così un impatto più contenuto delle lavorazioni, consentendo all’edificio di tornare pienamente funzionale.
    L’intervento strutturale costituirà un rinforzo delle strutture esistenti, utilizzando fibra di carbonio, mentre per la ricostruzione saranno usate strutture leggere in acciaio e calcestruzzo. Per quanto concerne la centrale termica e l’efficentamento energetico, saranno installate caldaie del tipo ibrido, trattando l’involucro esterno con la tecnica dell’insufflaggio eseguito con poliuretano espanso, gli infissi saranno in pvc ad alto isolamento, e saranno installati pannelli fotovoltaici in copertura. Tutti i materiali rispettano le norme CAM.
    Leggi altro
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • REBUILD MILANO-DOMODOSSOLA

    Dal 25 gennaio 2021, sono iniziati i lavori di ristrutturazione e ammodernamento della stazione di Milano Domodossola di FerrovieNord collocata tra Corso Sempione e il nuovo quartiere di CityLife. Ad oggi, alcuni punti sono stati realizzati, altri sono ancora in...
    REBUILD MILANO-DOMODOSSOLA

    Dal 25 gennaio 2021, sono iniziati i lavori di ristrutturazione e ammodernamento della stazione di Milano Domodossola di FerrovieNord collocata tra Corso Sempione e il nuovo quartiere di CityLife. Ad oggi, alcuni punti sono stati realizzati, altri sono ancora in lavorazione.

    L’obiettivo del progetto è stato fin da subito quello di uniformare lo stile della stazione ferroviaria alla modernità del quartiere, caratterizzato da edifici di grande design, architettura ed edilizia all’avanguardia, frutto del lavoro di architetti di fama internazionale.

    Il progetto, che prende il nome di “reMi.Do – Rebuild Milano Domodossola”, prevede la sostituzione di controsoffitti, pavimenti, rivestimenti e corpi illuminanti e l’adeguamento degli impianti elettrici. I lavori, che saranno realizzati da Euroelettrica Impianti Srl, interesseranno sia l’atrio, sia le banchine.
    Leggi altro
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Horti, il segreto di Porta Romana: residenze di lusso e giardini storici

    Il progetto di Horti, avviato da BNP Paribas a firma Michele de Lucchi, ha trasformato un’area dismessa di Porta Romana in un complesso residenziale immerso in un giardino storico aperto al pubblico.
    In pieno centro a...
    Horti, il segreto di Porta Romana: residenze di lusso e giardini storici

    Il progetto di Horti, avviato da BNP Paribas a firma Michele de Lucchi, ha trasformato un’area dismessa di Porta Romana in un complesso residenziale immerso in un giardino storico aperto al pubblico.
    In pieno centro a Milano, a due passi da Porta Romana, nasce Horti, riqualificazione di un complesso religioso del XIX secolo riconvertito in quartiere residenziale di lusso da Bnp Paribas Real Estate Property Development Italy. L’investimento, da circa 100 milioni di euro, ha trasformato un’area di 14.600 mq tra via Orti e via Lamarmora, realizzando circa 80 eleganti dimore in tre corpi distinti.

    Il giardino storico di Horti appartiene ora alla città; è stato aperto al pubblico dai primi di giugno 2022. Il giardino è oggi un angolo botanico con essenze ricercate e alberi ad alto fusto come tigli e cedri libanesi. Trovano spazio siepi e aiuole geometriche con piante aromatiche (lavanda, salvia, artemisia, calendule e anemoni). Il sistema di irrigazione è ad ala gocciolante, automatizzato e alimentato da un sistema di recupero dell’acqua piovana.

    La Villa, Orti e Lamarmora sono i tre edifici che compongono il complesso di “Horti, il segreto di Porta Romana”. Il progetto rispetta lo spirito dei luoghi esaltando le linee originali ottocentesche. Gli edifici storici, come la grande Villa, convivono con nuove architetture che si inseriscono nel lotto con un disegno armonioso. In Lamarmora si trovano ad esempio le tipiche case milanesi classiche; in via Orti abitazioni che appartengono al borgo.
    La Villa, posta al centro del parco con annessa la Chiesa dalla presenza monumentale, è stata storicamente costruita dalla famiglia Dumolard nell’ottocento con destinazione di casa di cura e ricovero per anziani. Grazie al progetto di ristrutturazione è stata riportata all’impianto originario eliminando gli interventi e gli ampliamenti stratificati nel tempo che ne avevano alterato la struttura. La Chiesa è stata destinata ad uso ufficio mentre la Villa accoglie dimore di pregio e di ampie metrature.
    Il nuovo edificio che chiude il fronte verso via Lamarmora è realizzato su sei livelli, con grandi vetrate e finiture moderne.L’edificio verso via Orti racchiude invece il parco in continuità con il vecchio borgo ed è costituito da ville indipendenti disposte su più livelli con uno stile che richiama gli stilemi dell’architettura milanese. Le abitazioni dispongono di giardino privato, di cantine e deposito bici privato.
    Leggi altro
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
Non ci sono ancora attività.
Impossibile caricare il contenuto. Riprova.