Link copied to your clipboard
Filter Timeline:
Elementi Appuntati
Attività recenti
  • A maggio si è conclusa la prima parte del grande progetto, su cui la Politecnica Ingegneria ed Architettura lavora da oltre dieci anni, con BEHNISCH ARCHITEKTEN. Si tratta della costruzione di un nuovo greendistrict a Ravenna. Uno spazio fatto da uffici amministrativi, aree verdi e passerelle,...
    A maggio si è conclusa la prima parte del grande progetto, su cui la Politecnica Ingegneria ed Architettura lavora da oltre dieci anni, con BEHNISCH ARCHITEKTEN. Si tratta della costruzione di un nuovo greendistrict a Ravenna. Uno spazio fatto da uffici amministrativi, aree verdi e passerelle, progetto di riqualificazione di un'area degradata della città. Gli spazi e le facciate interior del nuovo centro amministrativo del Comune di Ravenna sono stati progettati in continuità tra le aree di lavoro e le outdoors, per una totale integrazione tra architecture e landscape. Il termine del lavoro si prevede tra pochi mesi e, quando sarà completato anche il secondo edificio per i laboratori Arpae Emilia-Romagna, il quartiere si aprirà al pubblico con nuovi spazi e strutture per il community. Il sito per i nuovi laboratori e uffici amministrativi dell'ARPA Emilia Romagna e per la nuova sede amministrativa del Comune di Ravenna si trova nella periferia ovest di Ravenna in un interessante contesto urbano, immerso nella natura. In questa situazione complessa e fuori dai confini della città principale, in un'area di transizione tra la città e la campagna circostante, il ruolo dei due nuovi edifici è quello di valorizzare e fondersi con il paesaggio che li circonda, piuttosto che con le aree edificate e le loro restrizioni funzionali. Gli edifici si svilupperanno su tre piani fuori terra, in forma di due ali al centro, e al centro ci sarà una tripla costruzione che comprende un atrio su cui si affacciano sia i tre piani di uffici e laboratori (ARPA) da un lato, sia gli uffici dei vari dipartimenti, dei dirigenti e dei progettisti e quelli aperti al pubblico (gli uffici comunali) dall'altro. "Modularità" e la "flessibilità" dei sistemi impiantistici sono stati i punti cardini del progetto dove le hall d'ingresso all'interno di ogni edificio, con i loro aspetti mantenuti liberi da qualsiasi altro piano o angolo interno (utilizzando un sistema di pianerottoli e attraversamenti sospesi), sono state progettate per fungere da veri e propri polmoni dell'edificio consentendo sia l'accumulo di calore che il trattamento delle masse d'aria così accumulate fornendo una regolazione naturale sia della temperatura che dell'umidità. L'idea progettuale è che durante i mesi estivi, la caduta dell'acqua che compone le ampie superfici delle pareti d'acqua rinfresca l'aria, consentendole di assorbire l'umidità dall'ambiente per condensazione, mentre nei mesi invernali, l'acqua fornisce all'aria riscaldata dell'ingresso l'umidità necessaria. Per lo studio di ingegneria e architettura Politecnica, l'edificio ha rappresentato una stimolante opportunità per l'applicazione di concetti progettuali avanzati, seguendo una cultura tecnologica e ambientale "sostenibile" sia dal punto di vista tecnico che economico.
    Leggi altro
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Zambon opera di ingegneria e architettura

    Lo stabilimento della Zambon di Vicenza, realtà imprenditoriale italiana che da 107 anni opera nell’industria chimica e farmaceutica, è stato riqualificato dai tecnici ed ingegneri di Exenet. Ma oltre ad essere un'opera di alta ingegneria, include anche...
    Zambon opera di ingegneria e architettura

    Lo stabilimento della Zambon di Vicenza, realtà imprenditoriale italiana che da 107 anni opera nell’industria chimica e farmaceutica, è stato riqualificato dai tecnici ed ingegneri di Exenet. Ma oltre ad essere un'opera di alta ingegneria, include anche un'opera di architettura firmata dagli architetti Michele De Lucchi e Carlo Ratti.

    Lo spazio si chiama Z-Life e nasce nella OpenZone Science Oxygne Business della struttura. La realizzazione dell’edificio è un’importante tappa del piano di sviluppo di OpenZone. Due architetti di fama internazionale, Michele De Lucchi e Carlo Ratti, hanno realizzato l’edificio partendo da tre obiettivi: 1. Creare spazi per far star bene le persone, in modo che possano esprimere il meglio di sé e vincere sfide impensabili. 2. Sviluppare una relazione positiva con l’ambiente e la natura, rispettandone l’equilibrio. 3. Valorizzare un modo di lavorare all’insegna dell’innovazione aperta e della condivisione senza barriere, fondamentale nel settore della salute per raggiungere grandi traguardi a beneficio dei pazienti, anche grazie alle nuove tecnologie. Non a caso Z-LIFE nasce all’interno di OpenZone, campus dedicato alla salute che ospita - oltre a Zambon - 25 organizzazioni tra le quali imprese biotech, farmaceutiche e di terapie geniche avanzate di prim’ordine riconosciute a livello internazionale.

    Come si legge dal sito ufficiale, Michele De Lucchi ha curato la progettazione architettonica partendo dal recupero del precedente edificio industriale. All’interno di Z-LIFE non ci sono pareti, perché una struttura aperta permette la continua adattabilità alle nuove esigenze di un ufficio contemporaneo. Le pareti a perimetro in vetro esaltano la vocazione di spazi aperti e luminosi. I piani sono collegati visivamente da grandi aperture nei solai, per garantire la totale vivibilità degli spazi e percepire l’attività che c’è all’interno. I nuovi uffici di Zambon sono stati progettati come ponte tra interno ed esterno, in continuità tra ciò che è dentro e ciò che è fuori. A curare l’interior design dell’edificio, è stato lo studio Carlo Ratti Associati, sfruttando il concetto di luce nella visione di un design "biofilico", ovvero che risponda al bisogno dell'uomo di un contatto ravvicinato con gli elementi della natura. L'ufficio è dotato di Led Sun-like, i quali permettono di riprodurre molto fedelmente lo spettro della luce naturale del sole e il verde entra sulle scrivanie e negli spazi di lavoro. Il risultato finale è un annullamento della percezione del confine tra esterno ed interno, per dare maggiore benessere a chi vive gli spazi dell'Ufficio del Sole.
    Leggi altro
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  •   Condiviso da Staff ESN
    La Torre Tito Speri (Milano) progettata da Nemesi Architects

    Lo studio Nemesi Architects, capitanato dall'architetto Michele Molè, ha progettato una torre sostenibile “Dome for Womb” per il concorso ristretto promosso da Reale Immobili che funge da "new office" via Tito Speri a Milano. Il team...
    La Torre Tito Speri (Milano) progettata da Nemesi Architects

    Lo studio Nemesi Architects, capitanato dall'architetto Michele Molè, ha progettato una torre sostenibile “Dome for Womb” per il concorso ristretto promosso da Reale Immobili che funge da "new office" via Tito Speri a Milano. Il team di architetti sono partiti "pensando diversamente" cioè ponendosi la domanda: Quale è il vero senso del progettare una torre ad uffici oggi? Da qui nasce tutto lo studio per la progettazione che la Reale Immobili ha commissionato. Una sfida architettonica e di design assolutamente vinta. Dalla scheda tecnica si evince che l’obiettivo di Nemesi studio è stato quello di creare uno spazio in cui fosse piacevole vivere prima che lavorare, che potesse rappresentare nella forma la dimensione ibrida che esiste tra casa e lavoro. Il progetto incarna una radicale revisione della tipologia a torre. L'idea è di non lavorare più in un edificio di difesa, chiuso, introflesso; ma al contrario lavorare in uno spazio aperto, in dialogo con il contesto urbano e parte viva del paesaggio. Da qui il nome del progetto, che traccia al contempo l’immagine di un grembo materno (Womb), che accogliere le comunità e l’ambiente circostante, e un Duomo (Dome), con la sua iconicità e tensione verticale come il Duomo di Milano.

    Lo studio ha voluto conferire alla Torre un aspetto ibrido tra la funzione di ufficio e quella residenziale. Una nuova tipologia a cavallo tra le due dimensioni che conservi l’intimità attraverso la forma concava, e con il ricco paesaggio terrazzato. Il senso è riuscire a inseririre in un quartiere residenziale un edificio anche d'ufficio ma che possa avere anche aspetti domestici favorendone l'inserimento nel quartiere. Questa ibridazione tra tipologie potrebbe inoltre rappresentare il presupposto per immaginare anche una funzione mista a residenze ed uffici nel possibile utilizzo futuro della Torre.
    Il progetto verte su strategie di sostenibilità integrata dove il tema della sostenibilità ha condizionato tutta l’impostazione del progetto. Il risultato è stato un edificio che lasci un'impornta ecologica costruito su principi di architettura bioclimatica, fortemente biofila basato sulla stretta relazione tra Uomo-Natura-Ambiente. La sostenibilità ambientale ha guidato tutte le scelte progettuali architettonico-impiantistiche volte alla massima passività dell’edificio, alla scelta e gestione di tutti i materiali impiegati dalla costruzione fino alle finiture, alla gestione delle acque, alla valorizzazione del verde outdoor e indoor, alla riciclabilità e all’economia circolare (verifiche di beneficio solare sulle facciate opache, verifiche di composizione-emissività-manutenibilità-durabilità-dismmissibilità dei materiali impiegati), come si legge dalla scheda tecnica del progetto presentata dallo studio Nemesi. Dal punto di vista della sostenibilità tecnologica ed energetica sono state messe a sistema tutte le scelte che potessero ottimizzare la disponibilità di fonti rinnovabili disponibili, e al tempo stesso rappresentare il meglio della tecnologia e della automazione oggi sul mercato per la realizzazione di un edificio ad alta sensitività scientifica.
    Leggi altro
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Susanna Tradati è entrata nel gruppo
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • La Torre Tito Speri (Milano) progettata da Nemesi Architects

    Lo studio Nemesi Architects, capitanato dall'architetto Michele Molè, ha progettato una torre sostenibile “Dome for Womb” per il concorso ristretto promosso da Reale Immobili che funge da "new office" via Tito Speri a Milano. Il team...
    La Torre Tito Speri (Milano) progettata da Nemesi Architects

    Lo studio Nemesi Architects, capitanato dall'architetto Michele Molè, ha progettato una torre sostenibile “Dome for Womb” per il concorso ristretto promosso da Reale Immobili che funge da "new office" via Tito Speri a Milano. Il team di architetti sono partiti "pensando diversamente" cioè ponendosi la domanda: Quale è il vero senso del progettare una torre ad uffici oggi? Da qui nasce tutto lo studio per la progettazione che la Reale Immobili ha commissionato. Una sfida architettonica e di design assolutamente vinta. Dalla scheda tecnica si evince che l’obiettivo di Nemesi studio è stato quello di creare uno spazio in cui fosse piacevole vivere prima che lavorare, che potesse rappresentare nella forma la dimensione ibrida che esiste tra casa e lavoro. Il progetto incarna una radicale revisione della tipologia a torre. L'idea è di non lavorare più in un edificio di difesa, chiuso, introflesso; ma al contrario lavorare in uno spazio aperto, in dialogo con il contesto urbano e parte viva del paesaggio. Da qui il nome del progetto, che traccia al contempo l’immagine di un grembo materno (Womb), che accogliere le comunità e l’ambiente circostante, e un Duomo (Dome), con la sua iconicità e tensione verticale come il Duomo di Milano.

    Lo studio ha voluto conferire alla Torre un aspetto ibrido tra la funzione di ufficio e quella residenziale. Una nuova tipologia a cavallo tra le due dimensioni che conservi l’intimità attraverso la forma concava, e con il ricco paesaggio terrazzato. Il senso è riuscire a inseririre in un quartiere residenziale un edificio anche d'ufficio ma che possa avere anche aspetti domestici favorendone l'inserimento nel quartiere. Questa ibridazione tra tipologie potrebbe inoltre rappresentare il presupposto per immaginare anche una funzione mista a residenze ed uffici nel possibile utilizzo futuro della Torre.
    Il progetto verte su strategie di sostenibilità integrata dove il tema della sostenibilità ha condizionato tutta l’impostazione del progetto. Il risultato è stato un edificio che lasci un'impornta ecologica costruito su principi di architettura bioclimatica, fortemente biofila basato sulla stretta relazione tra Uomo-Natura-Ambiente. La sostenibilità ambientale ha guidato tutte le scelte progettuali architettonico-impiantistiche volte alla massima passività dell’edificio, alla scelta e gestione di tutti i materiali impiegati dalla costruzione fino alle finiture, alla gestione delle acque, alla valorizzazione del verde outdoor e indoor, alla riciclabilità e all’economia circolare (verifiche di beneficio solare sulle facciate opache, verifiche di composizione-emissività-manutenibilità-durabilità-dismmissibilità dei materiali impiegati), come si legge dalla scheda tecnica del progetto presentata dallo studio Nemesi. Dal punto di vista della sostenibilità tecnologica ed energetica sono state messe a sistema tutte le scelte che potessero ottimizzare la disponibilità di fonti rinnovabili disponibili, e al tempo stesso rappresentare il meglio della tecnologia e della automazione oggi sul mercato per la realizzazione di un edificio ad alta sensitività scientifica.
    Leggi altro
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Fondital Ad
    Fondital, radiatori caldaie termosifoni
    https://www.fondital.com/it/it/
  • Park Associati presenta la nuova sede di Accenture per Milanofiori Sviluppo

    Il team dello studio di progettazione Park Associati ha portato a termine la realizzazione dell’edificio Accenture People Hub progettato per Milanofiori Sviluppo (Gruppo Brioschi Sviluppo Immobiliare).

    Il progetto si...
    Park Associati presenta la nuova sede di Accenture per Milanofiori Sviluppo

    Il team dello studio di progettazione Park Associati ha portato a termine la realizzazione dell’edificio Accenture People Hub progettato per Milanofiori Sviluppo (Gruppo Brioschi Sviluppo Immobiliare).

    Il progetto si presenta come una una sorta di prua intermaente fatta di lama di vetro e acciaio, una sorta di prua che punta verso Nord-Ovest, fulcro generatore compositivo dell’edificio e punto da cui si dipartono i due fronti del complesso.

    E' un opera imponente e di notevole fascino che va a completare la cosiddetta “scogliera” di edifici che fanno da corona allo sviluppo urbano di Milanofiori ad Assiago. L'edificio è composto da quindici piani fuori terra e da circa 31.500 mq di superficie e si colloca su una piastra al di sotto della quale vi sono i due piani interrati di parcheggio.

    L’esposizione al sole a sud-ovest è mitigata dalle cuspidi vetrate poichè hanno un lato trasparente e uno serigrafatoche e scandiscono tutta la facciata. Il corpo esposto verso l’autostrada è il più esteso per dimensioni, mentre il fronte più corto dell’edificio, esposto a nord verso il bosco, ottiene la massima trasparenza grazie alla facciata a vetrata continua. La superficie uniforme della vetrata viene interrotta dalla presenza continua di elementi verticali e da linee orizzontali marcapiano. Con la scelta delle vetrate, il contatto con lo spazio naturale esterno è più diretto e permette una maggiore permeabilità e intensità nel rapporto con l’ambiente circostante.

    Luogo di connessione tra la piazza esterna, il bosco e l’interno dell’edificio è la hall di ingresso raggiungibile attraverso una serie di sequenze spaziali che dal livello sopraelevato portano a un passaggio porticato a doppia altezza. La continuità tra interno ed esterno dell’edificio rende la hall una piazza coperta, in grado di convogliare tutti i flussi del complesso, oltre a gran parte delle funzioni comuni come l'area formazione, le foyer e la caffetteria.

    La nuova piazza sopraelevata che si apre all’ingresso dell’edificio, situata nei pressi della stazione della metropolitana, crea uno spazio geometrico che permette la connessione con tutti gli edifici circostanti. Proprio verso la stazione, si sviluppa un basamento al piano terra e al piano primo che, tramite una facciata più materica e introversa ha la funzione di proteggere dal rumore le zone training e le sale meeting che vi sono ospitate.

    Gli uffici, che si trovano ai piani superiori e che ospitano fino a 3.800 persone, sono caratterizzati da una moltidutine di spazi diversi tra loro per ampiezza e destinazione. All’ultimo piano, c'è uno sky-bar che offre momenti di relax e vista mozzafiato del panorama.
    Leggi altro
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Simone Cellitti è entrata nel gruppo
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Federica Seregni è entrata nel gruppo
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • R&R Group Ad
    Tekno Touch è un prodotto antiscivolo rivoluzionario: si stratta di una formulazione unica, per uso professionale, fornita con applicazione a cura di tecnici autorizzati, che permette di intervenire in modo naturale e non aggressivo sulla struttura delle pavimentazioni minerali rendendole antiscivolo e facili da pulire.
    R&R Group
    https://www.edilbim.it/brands/rergroup/
  • Eduardo Pardo è entrata nel gruppo
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Casarini Roberta è entrata nel gruppo
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
Non ci sono ancora attività.
Impossibile caricare il contenuto. Riprova.