Le unità Wavin Aquacell protagoniste del progetto Glasgow Airport Investment Area

Wavin Aquacell progetto Glasgow Airport
Offrire una risposta concreta alle nuove sfide in termini di "costruzione sostenibile" che l'urbanizzazione sta ponendo in maniera sempre più crescente, attraverso un'ampia gamma di soluzioni che favoriscano un approvvigionamento idrico sicuro ed efficiente, un miglioramento dei servizi igienici e sanitari, un importante incremento prestazionale de...
Continua a leggere

Wavin protagonista del polo residenziale Warsan First a Dubai con il sistema di drenaggio sostenibile AquaCell Core

Warsan First
L'espansione indiscriminata dei centri urbani, i profondi cambiamenti climatici e le gravi conseguenze derivanti dall'incremento delle precipitazioni nel corso degli ultimi anni hanno assunto sempre maggior rilievo nell'agenda politica internazionale, favorendo lo sviluppo di un dibattito sul tema della gestione ottimale delle eccessive piogge attr...
Continua a leggere

Wavin Italia presenta il nuovo manicotto di riparazione Tigris NG

Tigris-M5-Repair-Coupler
L'approvvigionamento idrico sicuro ed efficiente è uno dei principali fattori di impulso strategici che guidano l'operato di Wavin Italia, la filiale italiana del Gruppo Wavin impegnata nello sviluppo di sistemi di tubazioni plastiche nel settore edilizio e nelle infrastrutture. Del resto il quadro attuale non è dei più rosei, tenendo conto che le ...
Continua a leggere

Wavin Italia presenta il nuovo sistema di scarico insonorizzato AS+

Wavin Italia presenta il nuovo sistema di scarico insonorizzato AS+

L’abbattimento dell’inquinamento acustico all’interno degli edifici e il miglioramento dei servizi igienici e sanitari rappresentano una tra le più importanti sfide in termini di “costruzione sostenibile” per Wavin Italia, la filiale italiana del Gruppo Wavin impegnata nello sviluppo di sistemi di tubazioni plastiche nel settore edilizio e nelle infrastrutture. Non è un caso che con Wavin AS+, l’evoluzione del sistema di scarico più silenzioso e apprezzato dagli installatori e dai progettisti internazionali, la società abbia fatto un ulteriore passo avanti sul piano della riduzione del rumore con il lancio di un prodotto ancora più robusto, versatile e affidabile.

Disponibile dal mese di gennaio, Wavin AS+ si caratterizza per il design estremamente compatto, che rende il sistema perfetto per l’utilizzo in spazi ridotti e stretti, e per la composizione unica della materia prima, che garantisce performance di isolamento acustico superiore a qualsiasi altra soluzione disponibile sul mercato.

I fiori all’occhiello della nuova versione del sistema di scarico Wavin sono la guarnizione pre-lubrificata con scivolante e il codolo smussato, sviluppati per ridurre sensibilmente la forza di innesto e assicurare un’installazione rapida e senza perdite. Non solo: grazie al labbro anteriore inclinabile e alle rigature della guarnizione, Wavin AS+ offre prestazioni ottimali sia in condizione di pressione che depressione, oltre a permettere elevate deflessioni. Il bicchiere rinforzato del raccordo garantisce inoltre all’installatore la migliore presa, mentre l’anello di battuta favorisce il corretto inserimento.

Il sistema Wavin AS+ soddisfa o addirittura eccede tutti i requisiti della normativa europea UNI EN 12056, è resistente alla corrosione e agli agenti chimici, si caratterizza per una superficie interna liscia che favorisce un drenaggio ottimale delle acque ed è idoneo anche per le applicazioni interrate (BD).

Per offrire un supporto concreto al progettista, Wavin mette a disposizione l’innovativo strumento on line Wavin Soundcheck Tool che simula, in soli sei passi, l’acustica dell’impianto e calcola i livelli di rumorosità in base ai singoli parametri per verificare la conformità del progetto alla normativa.

Specifiche del prodotto:

Materiale
Polipropilene rinforzato con cariche minerali.

Proprietà fisiche
Densità: ~ 1,9 g/cm³
Modulo di elasticità: ~ 1800 N/mm²
Coefficiente lineare di dilatazione termica: ~ 0,06 mm/mK
Reazione al fuoco: DIN 4102, B2 e EN13501 D-S3, d0
Temperatura: 90°C Temperatura massima; 95° per brevi periodi

Colore
Grigio chiaro RAL 7035

Dati sulla tubazione
DN         d1)        di2)        s3)
50         50          44          3,0
70         75          68          3,5
90         90          80,8       4,6
100       110        99,4       5,3
125       125        114,4     5,3
150       160        148,8     5,6
200       200        188        6,0

1) Diametro esterno in mm.
2) Diametro interno in mm.
3) Spessore in mm.

Marcatura
Wavin AS+, diametro nominale, data, marchio della certificazione, materiale, classe di reazione al fuoco Esempio: Wavin AS+, DN 100, data, Z.-42.1-569, PP rinforzato con cariche minerali Ü DIN 4102, B2

 

Continua a leggere

Wavin Italia presenta Q-Bic Plus

Wavin Italia presenta Q-Bic Plus

Completa libertà di progettazione, installazione due volte più rapida e accesso totale per le operazioni di ispezione e pulizia: questi i marchi di fabbrica di Q-Bic Plus, la nuova versione del sistema per l’infiltrazione e l’attenuazione delle acque meteoriche progettato da Wavin per contribuire in maniera determinante a prevenire i danni alle infrastrutture e le minacce per la salute pubblica derivanti dalle inondazioni.  

Pur facendo propri i concetti di ispezionabilità e modularità del precedente Wavin Q-Bic, che dalla data di lancio nel 2005 ha visto l’installazione di oltre 5 milioni di unità in tutto il mondo, il nuovo Q-Bic Plus si propone di alzare l’asticella e fissare nuovi standard per la gestione delle acque piovane in termini di versatilità, velocità di installazione e facilità di accesso.

Grazie alla sua flessibilità sia nell’orientamento e nel layout di vasca che nelle opzioni di collegamento, sia laterale che verticale, Wavin Q-Bic Plus si conferma la soluzione ideale per ogni tipologia di terreno ed elimina qualsiasi problematica legata al livello dell’acqua di falda e al carico dall’alto. La sua capacità portante è perfetta per le circostanze di progetto più esigenti, mentre i suoi canali di ispezione bidirezionali limitano la presenza di punti di accesso verticali.  

Il sistema sviluppato da Wavin velocizza notevolmente l’installazione, garantendo un importante risparmio in termini di tempo durante la costruzione e ottimizzando lo spazio all’interno del cantiere. Clip e pin verticali non sono più necessari grazie alla presenza di connettori integrati: la sua funzionalità push-fit permette infatti all’installatore di collegare le unità e gli accessori con un semplice clic non appena entrano in posizione. Wavin Q-Bic Plus è inoltre facile da maneggiare grazie alla base molto leggera dei singoli moduli (14 kg per 420 L di volume netto), ai bordi arrotondati, alle impugnature dedicate e al lato superiore calpestabile.

Wavin Q-Bic Plus offre l’accesso più ampio disponibile sul mercato (fino a 370 mm) e canali bi-direzionali per permettere a CCTV e hydrojet di raggiungere il 70% della superficie del serbatoio. Il suo design della superficie estremamente piatto garantisce inoltre un’ispezione e una pulizia veloce ed efficace, senza alcun ostacolo.

Le nuove unità Wavin Q-Bic Plus sono parte della gamma di soluzioni dedicate alla gestione delle acque meteoriche sviluppate da Wavin, che includono sistemi di drenaggio per la captazione, particolarmente adatti per ampie coperture, regolatori di portata per gestire lo scarico della rete fognaria in base alle normative locali, pozzetti e camere di ispezione integrati nelle reti di drenaggio e disoleatori per il trattamento delle acque di prima pioggia provenienti dalle aree di parcheggio.

Per ulteriori informazioni sul sistema Wavin Q-Bic Plus o sulle numerose soluzioni progettate dall’azienda per la gestione delle acque meteoriche è possibile visitare il sito web www.wavin.it

Sentio: da oggi logiche più sofisticate per la gestione della deumidificazione e la temperatura dell’acqua

Sentio: da oggi logiche più sofisticate per la gestione della deumidificazione e la temperatura dell’acqua

Wavin Italia, la filiale italiana del Gruppo Wavin impegnata nello sviluppo di sistemi di tubazioni plastiche nel settore edilizio e nelle infrastrutture, è lieta di annunciare un importante aggiornamento relativo a Sentio, il sistema di controllo che rende l’installazione di un impianto di riscaldamento e raffrescamento radiante ancora più facile e intuitiva.

Da oggi, in piena linea con i nuovi scopi globali di Wavin orientati al miglioramento delle prestazioni degli edifici e allo sviluppo di soluzioni efficienti e sostenibili per l’edilizia, Sentio sarà in grado di regolare ancora meglio l’umidità dell’aria all’interno degli ambienti. Merito dell’introduzione di un nuovo firmware di sistema, che consentirà al dispositivo di gestire simultaneamente fino a 4 deumidificatori, con o senza integrazione termica, e fino a un massimo di 2 circuiti miscelati e 1 circuito non miscelato (attraverso un modulo di espansione a 6 contatti puliti). Sentio si arricchisce inoltre di logiche più sofisticate per la gestione della temperatura dell’acqua che, oltre a integrare le logiche di controllo dei deumidificatori, modulano la temperatura dell’acqua stessa in funzione delle temperature di rugiada presenti nei diversi locali.

Sentio è un sistema di controllo avanzato che si configura come una famiglia di prodotti composta da un’unità centrale di controllo (CCU), un’unità di espansione, una serie di sonde ambiente e sensori, un’App per il controllo remoto e un display Touch Screen LCD.

La robusta unità di controllo (CCU) di Sentio è pensata per semplificare il controllo e il monitoraggio della temperatura del sistema radiante e dell’umidità dell’aria garantita dal deumidificatore, mantenendo valori ideali sia che si tratti di riscaldamento che di raffrescamento. L’unità base supporta fino a otto sonde ambiente, 16 testine elettrotermiche e due pompe di circolazione, assicurando un alto livello di comfort e di efficienza energetica. In caso di richiesta di più di 8 zone o di ulteriori contatti puliti, tipicamente per deumidificatori o circolatori aggiuntivi, Sentio dà la possibilità di aggiungere due apposite unità di espansione.

Discreta, pratica e intuitiva, la sonda ambiente Sentio può essere sia cablata che wireless e visualizza le informazioni solo quando richiesto. Il suo display mostra sia i livelli di temperatura che di umidità, regolando anche l’intensità della luce in base alle necessità dell’ambiente circostante.

Le impostazioni, i programmi e gli orari possono essere modificati da remoto in maniera semplicissima tramite l’App Sentio, scaricabile gratuitamente da Google Play e App Store. Intuitiva e caratterizzata da un’interfaccia pulita e moderna, l’applicazione dà anche la possibilità di controllare più edifici e di condividere le impostazioni di comfort con più utenti. In alternativa all’App può essere utilizzato il touch screen LCD personale Sentio.

 

Continua a leggere

Obiettivo sostenibilità: l’impegno REHAU di oggi per un domani migliore

Obiettivo sostenibilità: l’impegno REHAU di oggi per un domani migliore

REHAU, azienda leader nella lavorazione di polimeri, è da sempre impegnata nello sviluppo di sistemi innovativi che consentano di vivere all’insegna della sostenibilità, superando le sfide economiche ed ecologiche del futuro. Efficienza energetica, energie rinnovabili e tutela dell’acqua potabile sono i tre ambiti in cui la divisione idrotermosanitaria dell’azienda si è maggiormente dedicata negli ultimi anni, studiando soluzioni sempre più avanzate e performanti che ambiscono ad assicurare un futuro migliore alle nuove generazioni.

Agire in modo responsabile nei confronti dell'uomo e della natura, sfruttando in modo razionale le materie prime disponibili in quantità sempre più limitata, è infatti il principio fondamentale che guida quotidianamente REHAU nello sviluppo dei suoi sistemi ad alta efficienza energetica. Esempio recente di questo impegno è la nuova regolazione della temperatura per impianti radianti NEA SMART 2.0, un sistema intelligente, in continua evoluzione, capace di apprendere dalle abitudini di utilizzo degli utenti e di adattarsi automaticamente. Grazie alla sue funzioni smart, tra cui la tecnologia Geofencing, il riconoscimento di una finestra aperta e la modalità risparmio energetico, il sistema è capace di assicurare un risparmio sul riscaldamento fino al 20%, riducendo le emissioni di CO2.

Per garantire standard sostenibili ancor più elevati, REHAU consente inoltre di ricavare dall’ambiente dal 75% al 100% di energia pulita attraverso una gamma completa di pompe di calore dalle performance sempre elevate. Anello di congiunzione tra gli impianti radianti ed il sistema di termoregolazione smart, le pompe di calore Easy Pump consentono infatti di riscaldare, raffrescare e produrre acqua calda sanitaria rispettando l’ambiente, adattandosi a qualsiasi eco-progetto residenziale e commerciale grazie alla disponibilità nei modelli monoblocco, splittati e medium, declinati in varie potenze.    

Nell’ambito della gestione responsabile dell’acqua potabile, infine, oltre ad offrire sistemi idrotermosanitari completi che ne garantiscono l’igienicità, REHAU ha recentemente sviluppato un rubinetto smart che permette di eliminare l’utilizzo di bottiglie di plastica, trasformando l’acqua di rete in acqua filtrata, refrigerata, frizzante o bollente, aumentando ancora una volta il comfort nel rispetto l’ambiente.

Wavin protagonista al Museo del Futuro di Dubai con le camere d’ispezione Tegra

Wavin protagonista al Museo del Futuro di Dubai con le camere d’ispezione Tegra

Un rinnovato e profondo impegno a collaborare con gli amministratori, gli ingegneri, i progettisti e gli installatori per contribuire a rendere le città realmente a prova di futuro, con edifici confortevoli ed efficienti sul piano energetico. Il nuovo scopo di Wavin ben si sposa con lo sviluppo del Museo del Futuro di Dubai, un edificio dall’anima tecnologica che si presenterà come un vero e proprio hub destinato ad affrontare e approfondire alcuni tra i più importanti temi legati alla sostenibilità, tra cui i cambiamenti climatici.

Progettato nel 2015 dallo studio di architettura Killa Design con l’obiettivo di essere pronto per l’inaugurazione di Expo 2020, il Museo del Futuro occuperà una posizione privilegiata tra le Emirates Towers e sarà caratterizzato da un’architettura estremamente complessa, con una struttura costituita da 2.400 elementi in acciaio intersecati in diagonale tra loro, resa possibile grazie all’utilizzo del Building Information Modeling (BIM).

L’orientamento all’innovazione e alla sostenibilità che ha contraddistinto tutte le fasi della progettazione del Museo del Futuro trova importanti riscontri anche nel settore specifico della Gestione delle Acque Meteoriche e del trasporto delle acque reflue, fondamentali per tutelare sia la salute umana che quella dell’ambiente. Non è un caso che il contractor Desert Group abbia scelto, tra le tante soluzioni disponibili sul mercato, i pozzetti e le camere di ispezione Tegra 600.

Soluzioni perfette per diventare la struttura portante di qualsiasi sistema fognario, grazie alla loro facilità d’installazione, manutenzione minima e prestazioni elevate per tutta la loro vita utile, le basi di raccolta Tegra non necessitano di un allineamento orizzontale o verticale preciso, in quanto le connessioni avvengono mediante manicotti ad innesto con regolazione sferica in ogni direzione fino a 7,5°. La gamma Tegra comprende inoltre modelli specifici per tubazioni in PVC-U a parete liscia o PP a doppia parete ed elementi di Base per il collegamento in tutte le direzioni. La possibilità di variare la direzione del flusso con angoli da 0° a 90°, sia a sinistra che a destra, assicura inoltre la massima versatilità.

Le basi Tegra si caratterizzano per un elemento di base piano con doppio fondo, pensato per semplificare il livellamento della camera nello scavo ed eliminare variazioni di flusso anche quando terreno e acqua si trovano in condizioni critiche. Le tubazioni di prolunga Tegra sono leggere, pratiche da montare all’interno della base e possono essere facilmente tagliate su misura. La struttura corrugata consente inoltre un ottimo grip con il suolo per garantire un migliore adattamento alle varie condizioni climatiche (gelo/disgelo, variazione del livello di falda ecc.).


Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito Wavin

Scarichi insonorizzati: come ridurre il livello acustico

Scarichi insonorizzati: come ridurre il livello acustico

Il concetto di comfort acustico rappresenta uno degli aspetti più importanti nella progettazione degli edifici. La richiesta è quella di installare scarichi insonorizzati, in grado di limitare al massimo il livello acustico.

Indipendentemente dalla tipologia di edificio (residenziale o meno), i rumori prodotti da scarichi e tubature possono diffondersi tra le stanze e arrecare disturbo. Ridurre l’esposizione umana al rumore non rappresenta una questione soggettiva ma è a tutti gli effetti un valore tangibile e fondamentale per il comfort abitativo. A livello normativo, in Italia si fa riferimento al DPCM 5.12.1997 che definisce i limiti di emissione acustica, i requisiti minimi di isolamento acustico e limita la rumorosità dei sistemi di scarico entro i 35dB(A).

Premettendo che ridurre totalmente i rumori prodotti dagli scarichi è impossibile, di seguito una serie di consigli e soluzioni, direttamente dal nostro manuale tecnico, utili per gli addetti ai lavori nella gestione di questa problematica.

In linea generale sono due i principali scenari possibili relativi agli interventi di riduzione del livello acustico: il primo, che avviene in fase di costruzione e il secondo, che riguarda la fase di ristrutturazione.

 
Come prevenire la creazione del rumore degli scarichi

Quando ci si trova a dover installare un sistema di scarico con l’obiettivo di prevenire il rumore è essenziale tenere in considerazione tre elementi: posizione, ventilazione e dimensionamento.

Posizione
    È importante progettare l’ambiente abitativo affinché il posizionamento degli impianti venga realizzato in ambienti non sensibili al rumore. Le stanze sensibili dal punto di vista acustico dovrebbero essere il più lontano possibile dalle fonti di rumore (bagni, servizi, vani scale).

Ventilazione
    La scelta del tipo di ventilazione deve essere fatta in modo corretto. Nel caso in cui siamo in presenza di edifici elevati, solitamente oltre gli 8 piani di altezza, l’utilizzo della braga miscelatrice, oltre a ridurre il problema della ventilazione, riduce ulteriormente la rumorosità causata dall’impatto dell’acqua proveniente dalla diramazione orizzontale quando sbatte contro la colonna principale.

Dimensionamento
    Dimensionare le tubazioni in modo che il flusso dell’acqua sia ottimale, senza bolle e differenza di velocità.


Ecco alcuni punti saldi da tenere a mente:
- I cambi di direzione devono essere fluenti, non improvvisi;
- Nel passaggio da verticale a orizzontale, a piede colonna, utilizzare due curve da 45° con una distanza tra loro doppia rispetto al diametro;
- Le connessioni alle colonne di scarico vanno eseguite preferibilmente con braghe a 88°.


Come ridurre il livello acustico degli scarichi

Sono numerosi gli interventi possibili per ridurre il livello acustico degli scarichi già installati. Innanzitutto, è necessario considerare che la propagazione del rumore può avvenire secondo due differenti componenti: diretta e indiretta. La prima riguarda la propagazione del rumore per via strutturale, la seconda per via aerea.

Quando si parla di componente diretta ci si riferisce al rumore determinato da un impatto o urto e la sua propagazione sotto forma di vibrazione per via strutturale.

Per limitare la trasmissione del suono per via solida e dissipare l’energia vibrante, le soluzioni sono diverse.

- Fissare il sistema di tubazioni ad una parete pesante preferibilmente > 220 kg/m2. Se ci troviamo all’interno di un cavedio, fissare la tubazione sulla parete strutturale.
- Utilizzare collari con rivestimento in gomma, da posizionare lontano dalle sorgenti di rumore (ad esempio le curve).
- Impedire il contatto tra il tubo e altri tubi o altre parti costruttive dell’edificio.


Quando si parla di componente indiretta, il rumore si trasmette sotto forma di onda sonora per via aerea. Questo suono può essere attenuato attraverso l’adozione di misure di sicurezza negli elementi costruttivi, ad esempio aumentando lo spessore dei materiali, rimanendo sempre all’interno degli standard dimensionali del prodotto, o riducendo il livello di pressione acustica sonora avvolgendo le tubazioni con isolanti appositi e con massa superiore a 4kg/m2.

Scopri le soluzioni Wavin per un impianto di scarico insonorizzato a regola d’arte: Wavin As e Wavin SiTech+.

Alla Convention Nazionale Sales & Marketing 2020 di Wavin Italia presentato il nuovo scopo del Gruppo

Alla Convention Nazionale Sales & Marketing 2020 di Wavin Italia presentato il nuovo scopo del Gruppo

Rispondere concretamente alle sfide in termini di “costruzione sostenibile” che l’urbanizzazione porrà in maniera sempre più crescente, proponendo soluzioni che contribuiscano ad un approvvigionamento idrico sicuro ed efficiente, un miglioramento dei servizi igienici e sanitari, lo sviluppo di città resilienti alle condizioni climatiche più avverse e un netto incremento prestazionale degli edifici. Questo il nuovo scopo globale di Wavin, presentato e trasmesso nei giorni scorsi in video conference dal CEO Maarten Roef in oltre 60 uffici e stabilimenti del Gruppo in tutto il mondo e approfondita con dovizia di particolari in occasione della Convention Nazionale Sales & Marketing 2020 organizzata da Wavin Italia.

Uno scopo che non potrà prescindere da una maggiore partecipazione dell’azienda nel dibattito sociale e che si dovrà tradurre, nel medio termine, in un dialogo costante con i comuni, gli imprenditori edili, le ONG, gli ingegneri, gli scienziati, gli installatori e gli appaltatori di tutto il mondo, con l’obiettivo di trovare le migliori soluzioni possibili per risolvere i problemi del nostro tempo.

Ne ha parlato durante la convention nel suo speech introduttivo Emilio Rigiroli, Amministratore Delegato di Wavin Italia, sottolineando davanti ad un’ampia platea composta dalla forza vendita dell’azienda e dagli agenti anche l’importanza del rebranding di Mexichem, che nei mesi scorsi ha assunto il nome di Orbia.  Successivamente ha preso la parola Marco Basilico, Sales Manager di Wavin Italia, presentando i risultati di vendita del 2019 ed evidenziando il nuovo tipo di approccio della forza vendita dopo l’introduzione nello scorso anno del metodo Samba.

La convention è poi proseguita con gli interventi di Maria Cristina Venturoli e Stefania Ferlin, rispettivamente Territory Marketing Manager Italia, Turchia e Middle East e Marketing e Communication Manager Wavin Italia, focalizzati sulle attività svolte in tutto il Territorio (Italia, Turchia, Middle East e Africa) nel corso dell’anno passato e sulla presentazione del piano di marketing e comunicazione integrata 2020. Fabrizio Pulga, Territory Customer Service Manager di Wavin Italia, ha invece parlato dell’importanza del servizio come valore aggiunto, evidenziando come essere consapevoli di ciò che accade all'interno dell'azienda porti ad una maggiore credibilità all'esterno.

Il Product Management Team, composto da Alessandro Coletti e Marco Della Bianca, ha successivamente illustrato gli update dei prodotti previsti per l’anno in corso. Oltre al lancio del nuovo sistema di controllo Sentio, Wavin presenterà nei prossimi mesi diverse novità nei settori dell’adduzione idrica, dello scarico, della climatizzazione radiante e della ventilazione meccanica controllata.


Nel pomeriggio i partecipanti, suddivisi in quattro gruppi, sono stati chiamati a prendere parte ad una serie di workshop tecnici. In piena linea con il titolo della convention, ovvero #vendiseimprendi, i venditori si sono ritrovati a collaborare tra loro e ad operare come dei veri e propri imprenditori, imparando ad elaborare strategie vincenti per il raggiungimento degli obiettivi di vendita a fine anno.

Evolute, sicure, efficienti: a Mostra Convegno Expocomfort, le soluzioni smart di REHAU

Evolute, sicure, efficienti: a Mostra Convegno Expocomfort, le soluzioni smart di REHAU

REHAU, azienda leader nello sviluppo di sistemi evoluti per il settore idrotermosanitario, sceglie la vetrina di Mostra Convegno Expocomfort 2020, per presentare le sue più recenti soluzioni per moderni impianti termoidraulici e di climatizzazione. Studiate per progettare all’insegna dell’innovazione e per garantire sicurezza, indoor quality e una gestione efficiente dell’energia, le novità REHAU consentono agli operatori del settore di trasformare la crescente tendenza delle Smart Home in nuove opportunità di business.

Funzioni smart, massima connettività e utilizzo intuitivo sono il denominatore comune della nuova generazione di sistemi intelligenti che l’azienda esporrà al Pad. 14 – Stand E53-F62, portando i visitatori alla scoperta di un modo di progettare, installare e gestire impianti dal comfort sicuro ed efficiente. Tra le varie soluzioni, REHAU focalizzerà l’attenzione su:

NEA SMART 2.0 – La nuova generazione di termostati dotati di funzioni smart per la regolazione efficiente della temperatura negli impianti radianti. Il sistema REHAU impara dalle abitudini di riscaldamento e di utilizzo e si adatta automaticamente, consentendo un risparmio energetico fino al 20%. I termostati possono essere impostati manualmente, tramite comando vocale di Amazon Alexa o attraverso l’intuitiva App, che permette di monitorare l’energia utilizzata e gestire le impostazioni del riscaldamento ovunque ci si trovi.

RE.GUARD – Il dispositivo per il controllo smart dell’impianto idraulico, con tecnologia ottimizzata per la sicurezza, ideale per case mono e bifamiliari nuove o da ristrutturare. Grazie all’innovativa tecnica a ultrasuoni, RE.GUARD permette di monitorare gli ambienti e di intervenire in modo affidabile prima che si verifichino danni dovuti a perdite o rotture dei tubi, bloccando il flusso d’acqua ed informando tempestivamente l’utente tramite App in caso di anomalie nel funzionamento.

RE.SOURCE – Il rubinetto smart di REHAU che consente di trasformare, con un unico dispositivo, l’acqua di rete in acqua filtrata e refrigerata, liscia e frizzante oppure bollente, semplicemente premendo un’icona sul display touch screen. Compatto e rapido da installare, la smart water solution riduce i costi e rispetta l’ambiente, erogando acqua sicura della migliore qualità ed eliminando le bottiglie di plastica. Le versioni PREMIUM e PREMIUM+ sono dotate di display touch e funzioni smart che consentono di personalizzare le modalità di erogazione individuali, monitorare lo stato del sistema ed azionare un veloce risciacquo igienizzante.


 

REHAU vi aspetta a Mostra Convegno Expocomfort 2020, Pad. 14 – Stand E53-F62

NEA SMART 2.0 di REHAU: la nuova generazione della regolazione della temperatura

NEA SMART 2.0 di REHAU: la nuova generazione della regolazione della temperatura

REHAU, azienda leader nello sviluppo di sistemi evoluti per il risparmio energetico ed il massimo comfort abitativo, presenta NEA SMART 2.0, la nuova generazione di termostati dotati di funzionalità intelligenti per la regolazione efficiente della temperatura negli impianti di riscaldamento/raffreddamento radiante. Ideale per soddisfare qualsiasi esigenza di climatizzazione tanto nelle nuove costruzioni quanto nelle ristrutturazioni, il nuovo sistema REHAU è adatto sia per la funzione di semplice regolazione della temperatura ambiente, sia per soluzioni complesse in grado di gestire fino a 60 ambienti, che comprendono la regolazione della mandata ed il collegamento con i deumidificatori per il controllo del punto di rugiada e del comfort ambientale.

Disponibile in versione wireless e cablata, NEA SMART 2.0 assicura la massima semplicità e flessibilità di montaggio rendendo possibili installazioni miste. Grazie alla tecnologia ibrida del modulo di controllo centrale, che permette la connessione di entrambe le tecnologie, bus e senza fili, e senza necessità di fare ricorso a componenti aggiuntivi, la novità REHAU è una soluzione versatile, espandibile in qualsiasi momento, capace di soddisfare qualsiasi esigenza impiantistica. Non solo: anche la messa in funzione del sistema trae vantaggio da una pratica programmazione a livello centrale dei termostati, consentendo di eseguire l’operazione comodamente tramite smartphone, tablet oppure PC grazie all’interfaccia standard LAN/WLAN, e di compensare un eventuale insufficiente bilanciamento idraulico dei circuiti, sopperendo alle lunghe attività legate alla regolazione del riscaldamento.



Studiato per integrarsi nelle moderne Smart Home, NEA SMART 2.0 offre una regolazione flessibile ed assicura un risparmio energetico fino al 20%, imparando dalle abitudini di climatizzazione e di utilizzo degli utenti per evitare sprechi energetici. Grazie ad una serie di funzioni intelligenti, infatti, si adatta automaticamente, consentendo di ottenere il massimo comfort in ciascuna stanza, senza alcuna preoccupazione: attraverso la tecnologia Geofencing, riconosce ad esempio se gli abitanti sono in casa o sulla strada del ritorno, regolando la temperatura di conseguenza, ed è in grado di determinare se c’è una finestra aperta percependo una diminuzione improvvisa della temperatura ambiente, e di spegnere quindi il riscaldamento temporaneamente per risparmiare energia.

In qualsiasi momento, l’utente potrà inoltre intervenire manualmente direttamente sull’apparecchio, impostare la temperatura desiderata attraverso il comando vocale di Amazon Alexa e controllare il sistema tramite smartphone, ovunque si trovi. Oltre alla possibilità di gestire le impostazioni della climatizzazione, l’intuitiva App di NEA SMART 2.0 permette, infatti, di monitorare l’energia utilizzata e di informare l’utente sullo stato dell’impianto, di usufruire degli aggiornamenti e, come optional, della manutenzione software da remoto, consentendo di adattare le impostazioni in modo rapido ed efficace, evitando l’uscita dei tecnici.



La tecnologia innovativa del nuovo sistema di regolazione REHAU passa anche dall’esclusivo ed elegante design dei termostati di controllo: declinati in versione bianca e nera per inserirsi in modo armonioso in ambienti classici e moderni, sono dotati di un elegante display a matrice LED - che nella versione bus presenta una piacevole cornice – caratterizzato da un’interfaccia semplice ed intuitiva.

Sistema radiante a soffitto ispezionabile Rehau

Sistema radiante a soffitto ispezionabile Rehau

REHAU punta in alto con il nuovo sistema radiante a soffitto ispezionabile

REHAU, azienda leader nello sviluppo di soluzioni per il massimo risparmio energetico e comfort abitativo, aggiorna la sua gamma di sistemi per la climatizzazione evoluta degli edifici con il nuovo soffitto radiante ispezionabile. Studiata per adattarsi flessibilmente in ambito terziario, tanto nelle nuove costruzioni quanto nelle ristrutturazioni, la novità REHAU si distingue per una struttura capace di coniugare massime prestazione termiche ed acustiche, consentendo di realizzare strutture a soffitto sospese, ispezionabili in qualsiasi momento senza attrezzi particolari.  

Disponibile in dimensioni 600x600 mm e 600x1200 mm, il nuovo elemento a soffitto è composto da pannelli in gesso rivestito rinforzato in fibra di legno da 15 mm, con circuito radiante pre-installato internamente, e da uno strato posteriore di isolamento EPS 035 DEO di pari spessore. La parte a vista è invece rivestita da una lamiera metallica microforata in acciaio ribassata di 8 mm rispetto alla sottostruttura, che contribuisce a creare soffitti dal design lineare, ideali nell’ambiente ufficio, nei centri commerciali, negli alberghi e negli aeroporti.

Grazie alla posa delle tubazioni RAUTHERM S Ø10,1 x 1,1 in PE-Xa secondo uno schema a chiocciola con passo di posa di 4 cm, il nuovo sistema REHAU consente una distribuzione del calore omogenea ed ottimali valori di resa termica in riscaldamento e in raffrescamento certificati secondo UNI EN ISO 11855-2:2015. Il miglioramento delle performance acustiche è garantito da uno foglio TNT (tessuto non tessuto), opportunamente inserito tra la lastra in acciaio e quella in cartongesso, per un sistema completo dalle proprietà termoacustiche elevate.

Semplici da installare, gli elementi ispezionabili REHAU vengono montati su una struttura a “T”, che consente l’accesso ad eventuali impianti elettrici, di ventilazione o di distribuzione idrica soprastanti, in qualsiasi momento e senza nessun tipo di attrezzo, semplicemente spostando la lastra, a tutto vantaggio della massima rapidità di intervento e di manutenzione. La comprovata tecnica di collegamento con manicotti e raccordi autobloccanti inscindibili garantisce infine flessibilità e sicurezza nell’esecuzione di giunzioni a tenuta stagna permanente, senza l’utilizzo di O-ring o guarnizioni aggiuntive.

Completo di pannelli di tamponamento, il nuovo sistema REHAU è specifico per realizzare strutture a soffitto sospese all’interno di edifici come uffici, scuole, aeroporti, negozi, centri commerciali, alberghi, centri ricettivi, cinema, ristoranti ed auditorium, in cui assicura una climatizzazione fine ed omogenea grazie all’ampia superficie di scambio termico mantenuta a pochi gradi di differenza dalla temperatura ambiente.

Wavin Italia presenta il sistema radiante a bassa inerzia termica Renova Ultra

Wavin Italia presenta il sistema radiante a bassa inerzia termica Renova Ultra

Wavin Italia, società specializzata nello sviluppo di sistemi di tubazioni plastiche nel settore edilizio e nelle infrastrutture della divisione Fluent Europe del Gruppo Mexichem, presenta il nuovo sistema RENOVA ULTRA per impianti di riscaldamento e raffrescamento radianti.

Ideale per le ristrutturazioni e caratterizzata da una velocissima messa a regime, la soluzione ribassata a pavimento firmata Chemidro by Wavin è stata testata per mantenere lo spessore di 10 mm di massetto sopra il tubo e la conformità con i requisiti minimi imposti dalla norma UNI EN 1264-4, ed offre la possibilità all’installatore di effettuare la posa del tubo anche in diagonale.

Il sistema RENOVA ULTRA prevede un pannello in polistirene espanso sinterizzato (EPS) ad alta densità additivato con grafite, pensato per minimizzare lo spessore di isolante, mantenere un’elevata resistenza termica e fornire la resistenza meccanica necessaria al superamento dei relativi test. Rivestito in foglia rigida e composto da nocche piccole e ben distribuite, in modo da aumentare l’uniformità di spessore del massetto, il pannello è pensato per l’accoppiamento con il tubo multistrato Tigris di spessore 14 mm.

RENOVA ULTRA e Tigris DN 14 rappresentano una combinazione perfetta per permettere all’installatore di mantenere uno spessore ridotto del sistema radiante, conferendogli i seguenti importanti vantaggi:

- Rispetto della norma UNI EN 1264-4: i pannelli isolanti accoppiati rispettano i requisiti delle installazioni più tipiche, al di sopra di ambiente riscaldato, di ambiente non riscaldato o direttamente sul suolo

- Bassa inerzia termica: grazie al ridotto spessore si ottiene una veloce messa a regime dell’impianto, rendendo il sistema particolarmente indicato sia per riscaldamento che per raffrescamento

- Garanzia di resistenza meccanica: l’utilizzo del pannello RENOVA ULTRA, in accoppiamento ad un massetto con le caratteristiche richiamate nei test effettuati da Wavin Italia, per uso compatibile con quelli richiamati dal medesimo test, garantisce un pavimento finito privo di difetti e che si conservi nel tempo

- Velocità di posa: l’impiego del pannello RENOVA ULTRA già accoppiato al pannello isolante consente di effettuare la posa in un’unica soluzione, invece che in due tempi diversi, posando prima un pannello isolante e poi il pannello RENOVA incollato.

Compatto, veloce, sicuro: Rehau presenta il nuovo collettore polimerico HKV P SPEED

Compatto, veloce, sicuro: Rehau presenta il nuovo collettore polimerico HKV P SPEED

REHAU, azienda leader nello sviluppo di soluzioni per il massimo risparmio energetico e comfort abitativo, aggiorna la gamma di sistemi radianti ad aggancio rapido RAUTHERM SPEED con il nuovo collettore polimerico HKV P SPEED. Studiato per soddisfare le esigenze di cantiere in termini di spazio e di velocità di installazione, la novità REHAU si distingue per una struttura compatta, ideale in caso di ristrutturazione, e raccordi pushfit premontati, a garanzia della massima praticità e sicurezza nei collegamenti dei tubi.

Realizzato in tecnopolimero di qualità, il collettore HKV P SPEED trova applicazione nella distribuzione e nella regolazione dei sistemi a bassa temperatura di riscaldamento e raffrescamento radiante della gamma RAUTHERM SPEED, di cui supporta le flessibili tubazioni RAUTHERM SPEED e RAUTHERM SPEED K da 16 x 1,5. Il corpo unico di mandata e ritorno con attacchi da 1’’ ed espandibile con moduli aggiuntivi, permette di realizzare le connessioni principali dal basso o lateralmente, con possibilità di modifica tramite spostamento del gruppo valvola, e pratici collegamenti ai singoli circuiti, in modo semplice e veloce.

Grazie ai raccordi pushfit premontati, infatti, l’installatore può operare senza utilizzo di attrezzi specifici, quali chiavi o pinze, e controllare visivamente l’inserimento dei tubi, con un consistente risparmio di tempo e la certezza di connessioni sicure. Il nuovo collettore HKV P SPEED è inoltre dotato di misuratori di portata installati su ogni circuito del gruppo di mandata, di valvole termostatizzabili sulla barra del ritorno e di un modulo terminale con rubinetto di scarico impianto e valvola per lo sfiato aria manuali.

Ideale nelle ristrutturazioni o in caso di piccoli spazi grazie all’ingombro ridotto, la novità REHAU può essere facilmente installata nell’armadio di distribuzione o con fissaggio a muro attraverso l’impiego di staffe premontate in dotazione, e viene perfettamente completata dalle diverse soluzioni tecniche isolanti della gamma Speed, per realizzare impianti radianti ad alta efficienza energetica.