Emettitori ad incandescenza Sunrad

Gli emettitori ad incandescenza SUNRAD si caratterizzano per l’eccezionale efficienza radiante, dovuta alla temperatura superficiale della piastra ceramica (900°C), e per le dimensioni assai contenute. Gli apparecchi SUNRAD possono essere installati ad altezze notevoli (fino a 30 metri) in quanto sono dotati di una parabola riflettente che concentra il calore radiante soltanto nelle zone da riscaldare. Sempre più diffuso per il riscaldamento dei luoghi di culto. Come il Sole infatti riscalda la Terra con i raggi solari, gli emettitori Sunrad trasmettono i loro “raggi di calore” alle persone ed alle superfici degli oggetti loro vicini, e garantiscono il massimo comfort con un notevole risparmio sulla bolletta del gas. Non è più necessaria alcuna centrale termica: ogni apparecchio è...
Gli emettitori ad incandescenza SUNRAD si caratterizzano per l’eccezionale efficienza radiante, dovuta alla temperatura superficiale della piastra ceramica (900°C), e per le dimensioni assai contenute. Gli apparecchi SUNRAD possono essere installati ad altezze notevoli (fino a 30 metri) in quanto sono dotati di una parabola riflettente che concentra il calore radiante soltanto nelle zone da riscaldare. Sempre più diffuso per il riscaldamento dei luoghi di culto. Come il Sole infatti riscalda la Terra con i raggi solari, gli emettitori Sunrad trasmettono i loro “raggi di calore” alle persone ed alle superfici degli oggetti loro vicini, e garantiscono il massimo comfort con un notevole risparmio sulla bolletta del gas. Non è più necessaria alcuna centrale termica: ogni apparecchio è indipendente e si possono decidere esattamente le zone da riscaldare all’interno della Chiesa. Studi scientifici realizzati in collaborazione con il CNR e l'Università degli Studi di Venezia hanno dimostrato l'assoluta compatibilità degli impianti SUNRAD con le opere artistiche ed architettoniche all'interno delle Chiese. L’emettitore è costituito da un tubo venturi e da un iniettore a gas: la velocità di iniezione del gas provoca una depressione che aspira la quantità d’aria necessaria alla corretta combustione. La miscela aria-gas viene immessa nella camera di miscelazione e viene ripartita su tutta la superficie dello scambiatore di calore. Quest’ultimo è costituito da una serie di piastre di ceramica che, portate ad alta temperatura, si surriscaldano e irraggiano la superficie sottostante. L'emettitore nella versione industriale è corredato con un riflettore a specchio avente lo scopo di dare una direzionalità all’irraggiamento. Gli emettitori ad incandescenza sono utilizzabili in acciaierie, fonderie, aree aperte come tettoie, zone di carico e scarico merci, locali di grandi altezze ecc. Nei locali chiusi lo scarico dei gas combusti può avvenire o con impianto di scarico o all’interno del locale stesso purché sia garantita la ventilazione meccanica o tramite ventilazione naturale come da norma EN13410. Una tipologia edilizia in cui gli emettitori ad incandescenza trovano felice applicazione sono le Chiese; infatti i SUNRAD uniscono ad avanzate caratteristiche tecniche, una particolare e specifica cura estetica. Per questo motivo sono stati dichiarati compatibili da diverse Soprintendenze per i beni Architettonici ed Ambientali.
Leggi altro
17 Ottobre 2017
Emettitori a gas ideali per il riscaldamento delle Chiese.
17 Ottobre 2017 ·   2 anni fa
Nessuna foto disponibile
Drop a file here to upload.
Impossibile caricare il contenuto. Riprova.