Gruppi progetto per i professionisti ove poter condividere lavori e esperienze professionali di settore.
  • 16 Gruppi
  • 5 Album

Aggiornamenti recenti

Elementi Appuntati
Attività recenti
  • Scultura panoramica in Alto Adige del progettista Stefano Peluso

    Stefano Peluso ha realizzato un’opera iconica nel centro di Bressanone, in Alto Adige, che prolunga l'altezza di una residenza del 2008, ampliandola con due appartamenti aggiuntivi. Si tratta di un volume regolare in legno e vetro...
    Scultura panoramica in Alto Adige del progettista Stefano Peluso

    Stefano Peluso ha realizzato un’opera iconica nel centro di Bressanone, in Alto Adige, che prolunga l'altezza di una residenza del 2008, ampliandola con due appartamenti aggiuntivi. Si tratta di un volume regolare in legno e vetro con vista mozzafiato sulla Valle Isarco grazie alle grandi finestre in vetro e alla posizione dell’edificio. Al piano interrato troviamo un giardino-terrazza di circa 150 mq, a cui si affiancano le due terrazze schermate da listellature in legno che hanno la funzione di paravento. Il legno è il materiale più utilizzato sia nel volume del prefabbricato che come materiale per il rivestimento delle facciate. Gli elementi frangi-sole esterni ed i rivestimenti esterni sono in larice verniciato di colore nero, mentre le controsoffittature e rivestimenti interni in sono in legno di larice e di rovere naturale. L’edificio è ben integrato nel contesto abitativo preesistente si tratta, infatti, di un intervento di aumento di volumetria di un edificio esistente, quindi un classico esempio di “costruire sul costruito”, spiega il progettista. L’opera è il risultato di un’operazione di continuo dialogo con il contesto fonte d'ispiraizione nell'ideazione di tutte le geometrie.
    Altro
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Un'oasi domestica paradisiaca realizzata da Barreca & La Varra

    Lo Studio di architettura Barreca & La Varra hanno progettato un'oasi domestica nel cuore della città di Milano. Il progetto prevede ambienti interni in continuità spaziale e materica con il giardino e organizza su tre piani gli...
    Un'oasi domestica paradisiaca realizzata da Barreca & La Varra

    Lo Studio di architettura Barreca & La Varra hanno progettato un'oasi domestica nel cuore della città di Milano. Il progetto prevede ambienti interni in continuità spaziale e materica con il giardino e organizza su tre piani gli ambienti della casa: la zona giorno al piano terra in diretto collegamento con l’esterno, la zona notte al piano superiore e ambienti di servizio al piano interrato. A garantire la continuità tra interno ed esterno sono i materiali impiegati insieme alle scelte architettoniche che donano un'immagine omogenea a tutto l'edificio. Lo Studio ha realizzato anche l'arredo interno dalla boiserie a listelli in legno del soggiorno, agli arredi delle camere da letto, alle cucine (quella di servizio sui toni del grigio, anch’essa aperta al giardino tramite una grande finestra, a quella a isola aperta sul soggiorno). Le vetrate regalano viste panoramiche sul giardino e confrort energetico in equilibrio con l'ambiente circostante. Nicchie scavate nella parete rivestita in gres accolgono varie opere d’arte e completano tutto il design con un tocco di alta classe. La casa si può definire sostenibile in quanto è dotata di un sistema domotico integrato e ha pannelli fotovoltaici in copertura.
    Altro
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Casa di Langa, progetto di GaS Studio con Parisotto + Formenton Architetti

    GaS Studio in collaborazione con lo Studio Parisotto+Formenton Architetti hanno realizzato nelle Langhe un resort di lusso sostenibile immerso nella natura. L'eco-resort è stato fortemente voluto da Kyle J. Krause,...
    Casa di Langa, progetto di GaS Studio con Parisotto + Formenton Architetti

    GaS Studio in collaborazione con lo Studio Parisotto+Formenton Architetti hanno realizzato nelle Langhe un resort di lusso sostenibile immerso nella natura. L'eco-resort è stato fortemente voluto da Kyle J. Krause, Presidente e CEO, del Gruppo americano Krause, il quale nutre una passione per l’Italia e il design Made in Italy avendo lui origini italiane.

    L'hotel di lusso è imemrso in un territorio Patrimonio Unesco di oltre 40 ettari coltivati a vigneti e prevede oltre 39 camere e suite, Spa & Wellness, palestra, piscina all’aperto, art garden e una villa annessa per gli eventi privati. Dall'aspetto esteticamente sobrio, lineare, tradizionale ma dal gusto particolarmente contemporaneo, il resort è un esempio perfetto di come anche il lusso può essere sinonimo di sostenibilità. Da ogni aspetto di Casa di Langa emerge un profondo rispetto per il mondo naturale e per il suo futuro sostenibile: dall'impegno per la neutralità carbonica all'utilizzo di acqua riciclata al 100% per l'irrigazione, dagli impianti geotermico e fotovoltaico funzionali al riscaldamento, all’obiettivo operativo di azzerare l’utilizzo di plastica monouso. Casa di Langa, lo scorso 5 maggio, è stata premiata a Lubiana con il BIGSEE Award 2022 e nel 18 marzo 2022 si è aggiudicato l’ambita statuetta di legno dei MIPIM Awards come “Best Hotel & Tourism Resort”.
    Altro
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Progetto di acustica architettonica e isolamento acustico della Diapason Ingegneria per lo storico Cinema Barberini di Roma

    La Diapason ingegneria ha condotto la ristrutturazione dello storico Cinema Barberini romano di cui l’inaugurazione risale al 1930. Con cinque sale tecnologicamente...
    Progetto di acustica architettonica e isolamento acustico della Diapason Ingegneria per lo storico Cinema Barberini di Roma

    La Diapason ingegneria ha condotto la ristrutturazione dello storico Cinema Barberini romano di cui l’inaugurazione risale al 1930. Con cinque sale tecnologicamente avanzate per offrire una esperienza di alto livello, sia per il video, che per l’audio, offre proiezioni di qualità e in lingua originale, ed è situato in una piazza Barberini che si trova ai piedi di via Veneto. Si tratta di un progetto di acustica architettonica e isolamento acustico dove la consulenza acustica è consistita nell’integrazione dei pacchetti fonoisolanti per le partizioni verticali e orizzontali al progetto architettonico, dettagliando i corretti interventi di fonoisolamento, e nella verifica previsionale del confort acustico interno delle sale in funzione del loro nuovo disegno geometrico e delle nuove finiture. La progettazione definitiva inerente alla ristrutturazione del Cinema Multisala Barberini ha previsto una nuova suddivisione degli spazi interni al fine di realizzare sette differenti sale e uno spazio di ristorazione di alto livello in modo da aumentare l’offerta ricettiva nei confronti dei clienti. Sono stati realizzati anche i modelli matematici dedicati ad ogni singolo spazio ed ottimizzate le scelte architettoniche con l’obiettivo di massimizzare la resa acustica nonché l’aspetto tecnico economico.
    Altro
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Timberland ha inaugurato Floating Forest, una foresta multisensoriale galleggiante, realizzata come ecosistema indipendente sull’acqua della Darsena, per una città più verde progettata da Stefano Boeri Interiors. La forestazione urbana è un passo fondamentale per contrastare gli effetti del...
    Timberland ha inaugurato Floating Forest, una foresta multisensoriale galleggiante, realizzata come ecosistema indipendente sull’acqua della Darsena, per una città più verde progettata da Stefano Boeri Interiors. La forestazione urbana è un passo fondamentale per contrastare gli effetti del cambiamento climatico e per migliorare la qualità della vita dei cittadini. L’installazione di Timberland vuole sottolineare l’impegno green del marchio non soltanto promuovendo il verde nelle aree urbane, ma anche evidenziando le ultime novità in termini di prodotti eco-innovativi. Luogo di incontro e conciliazione tra la sfera naturale e i cittadini. Uno spazio per la socialità dove accorciare la distanza che di solito si infrappone tra i cittadini e la natura. Un'ecosistema urbano e indipendente dove abitano 610 alberi e più di 30 specie animali.
    Altro
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Fondital Ad
    Fondital, radiatori caldaie termosifoni
    https://www.fondital.com/it/it/
  • Lo studio di architettura e ingegneria Bioedil, ha realizzato un innovativo polo residenziale esempio di Progettazione architettonica in zona Saxa Rubra (Roma).

    In un contesto di pregio naturalistico urbanizzato, lo studio Bioedil si è occupato di un importante progetto di rigenerazione urbana....
    Lo studio di architettura e ingegneria Bioedil, ha realizzato un innovativo polo residenziale esempio di Progettazione architettonica in zona Saxa Rubra (Roma).

    In un contesto di pregio naturalistico urbanizzato, lo studio Bioedil si è occupato di un importante progetto di rigenerazione urbana. Una riqualificazione e valorizzazione di una parte di un complesso immobiliare edificato in una zona urbana con diverse aziende di piccole e grandi dimensioni dove si trova anche il centro radiotelevisivo della Rai.

    Si tratta di un intervento di demolizione e ricostruzione, con un nuovo e unico edificio al posto dei quattro esistenti. Fra gli obiettivi del progetto: aumentare la sicurezza dell’edificato dal punto di vista della risposta agli eventi sismici; migliorare la qualità ambientale ed architettonica dello spazio insediato; promuovere le tecniche più avanzate di bioedilizia e di contenimento dei consumi energetici; promuovere lo sviluppo del verde urbano con l’adozione di superfici permeabili e la realizzazione di interventi per il recupero delle acque piovane. Non meno del 30% del fabbisogno energetico dell’edificio sarà assicurato da fonti di energia rinnovabile.
    Altro
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Un nuovo Urban District a Torino

    I professionisti della Lombardini22 hanno progettato per la città di Torino una vera e propria microcittà che fornisce vari servizi come shopping, food, divertimento, green life, sport, accoglienza e business. Il progetto lancia nuovo concetto di offerta...
    Un nuovo Urban District a Torino

    I professionisti della Lombardini22 hanno progettato per la città di Torino una vera e propria microcittà che fornisce vari servizi come shopping, food, divertimento, green life, sport, accoglienza e business. Il progetto lancia nuovo concetto di offerta commerciale: un grande polo d’attrazione regionale per tutti i target, luogo di riferimento per l’offerta commerciale, di servizi, ristorativa e di entertainment del Piemonte e di una vasta area del Nord-Ovest italiano. Si tratta di un vero e proprio Urban District facilmente raggiungibile, in grado di attrarre un’ampia platea di visitatori e che si sviluppa su una superficie complessiva di 85.000 mq di cui 45.000 mq di negozi, ristorazione e servizi. Tutto lo spazio condiviso è circondato da un’ampia area verde con un percorso ciclabile per agevolare la mobilità e che assicura ai visitatori di rilassarsi, giocare, fare sport. Il concept progettuale è un Mall a cielo aperto con una lunga promenade cui fulcro centrale è la food-court cioè uno spazio ampiamente naturalistico dotato di abbondanti dehor, grandi porzioni verdi e sistemi di ombreggiamento in legno. A completare l'opera sono gli spazi del villaggio che comprendono anche luoghi dedicati non solo al divertimento ma anche alla formazione e all'istruzione, luoghi di intrattenimento e relax per grandi e piccini come cinema e stanze d'albergo e, infine, il Retail Park, un'area dedicata alle attività ludico-creative. Tutto architettato nell'ottica della sostenibilità.
    Altro
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Luca Quaranta è entrato nel gruppo ESN Academy
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Bioedilizia: Complesso Residenziale ad opera di Isotex Blocchi e Solai in legno

    L'azienda Isotex Blocchi e Solai in legno ha completato la costruzione di un nuovo complesso residenziale a Anguillara Sabazia (RM), sul lago di Bracciano. Il progetto prevede la costruzione di due ville...
    Bioedilizia: Complesso Residenziale ad opera di Isotex Blocchi e Solai in legno

    L'azienda Isotex Blocchi e Solai in legno ha completato la costruzione di un nuovo complesso residenziale a Anguillara Sabazia (RM), sul lago di Bracciano. Il progetto prevede la costruzione di due ville indipendenti e unite da una tettoia comune. Per gli edifici è stato scelto il blocco cassero HDIII 38/14 con inserto isolante ecosostenibile Neopor BMBcert di BASF e Solaio Isotex di copertura S39. Si tratta di un'opera di bioedilizia che sfrutta materiali di architettura sostenibili per migliorare la qualità della costruzione e il benessere di chi la abita. Infatti, l'opera è l'esempio di come scegliendo prodotti di qualità e innovativi si possano ottenere numerosi benefici come: l'isolamento termico-acustico, la sicurezza antisismica, la resistenza al fuoco, il risparmio energetico (Classe energetica A4 - NZEB), la sostenibilità e l'economia circolare.
    Altro
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Genova Green Strategy di Openfabric

    Lo studio Openfabric ha progettato la Genova Green Strategy il documento che mira a incrementare gli alberi e il verde attraverso il ridisegno di nuovi spazi pubblici all’interno dell’ambito cittadino.
    “La strategia delle 6 città” spiega l’architetto...
    Genova Green Strategy di Openfabric

    Lo studio Openfabric ha progettato la Genova Green Strategy il documento che mira a incrementare gli alberi e il verde attraverso il ridisegno di nuovi spazi pubblici all’interno dell’ambito cittadino.
    “La strategia delle 6 città” spiega l’architetto paesaggista di Openfabric Francesco Garofalo “definisce le linee guida per poter agire su tutti i quartieri di Genova, centrali e periferici, in pianura e sulle alture, sul mare e sui torrenti”. Partendo dalla città in salita sono state inserite soluzioni per limitare l’instabilità di versante e allo stesso tempo rendere accessibili spazi verdi interstiziali al momento sottoutilizzati. Invece sulla pianura si intensificheranno i viali alberati proponendo nuove piste ciclabili. Per quanto riguarda lo spazio situato nella città compatta, per la sua natura minerale sono previsti interventi specifici e puntuali, balconi e coperture svolgono un ruolo fondamentale per incrementare il verde di questi quartieri. Per la parte verde della città si punterà alla biodiversità nei giardini privati e niiative di condivisione al pubblico che permetteranno di esplorare i giardini più suggestivi. Alla camponente più agricola di Genova, lo studio ha pensato che si darà priorità alla riqualificazione dei terrazzamenti agrivoli abbandonati e all’incremento della biodiversità agricola. Infine, nella città arcipelago si vuole potenziare la presenza di ampi spazi verdi facilmente accessibili.
    Altro
    0
    0
    0
    0
    0
    0
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Social Net Ad
    RISOLLEVIAMO LA NAZIONE con la nostra super offerta per promuovere il tuo brand.
    SOCIAL ADVERTISING MARKETING e SITO WEB All in One
    https://a1x3e3.emailsp.com/frontend/nl_preview_window.aspx?idNL=4685
    SOCIAL ADVERTISING MARKETING e SITO WEB All in One Scopri la promozione
  • Marco Furlan è entrato nel gruppo ESN Academy
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Il ponte montato in dieci ore da Webuild

    Durante la costruzione della linea ad alta velocità Napoli- Bari, l'azienda leader Webuild ha installato nel comune di Acerra, il primo dei tre ponti ad arco della tratta Napoli-Cancello. Si tratta di un intervento all'avanguardia che consente di...
    Il ponte montato in dieci ore da Webuild

    Durante la costruzione della linea ad alta velocità Napoli- Bari, l'azienda leader Webuild ha installato nel comune di Acerra, il primo dei tre ponti ad arco della tratta Napoli-Cancello. Si tratta di un intervento all'avanguardia che consente di minimizzare gli impatti sul traffico in fase di costruzione. La linea ferroviaria Napoli-Bari sarà un asse strategico per lo sviluppo della mobilità sostenibile nel Sud Italia, un’opera in gestazione da tempo che negli ultimi anni ha registrato una netta accelerazione. Il ponte installato con un'operazione durata circa 10 ore, ha un peso di 2500 tonnellate ed è lungo circa 80 metri con un'altezza di 21 metri ed è stato preso in carico da 18 speciali carrelloni, che complessivamente hanno distribuito il peso su 104 assi gommati, per essere poi issato a circa 6 metri da terra tramite torri di sollevamento. Una volta terminata la stazione, che giacerà sul posto, diventerà hub per l'interscambio passeggeri tra i servizi regionali e AV. L'opera oltre a rappresentare una grande innovazione ingegneristica, ha significato anche un importante opportunità di occupazione per tanti operai, circa 600 a cui si aggiungono ben 300 aziende italiane che sorgono lungo la tratta e che benificeranno di questa nuova infrastruttura di interconnessione.
    Altro
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Regenerative High-Rise il grattacielo in legno modulare anti-demolizione

    Il grattacielo in legno Regenerative High-Rise ha vinto la menzione d’Onore nel concorso eVolo 2022 ed è il primo grattacielo in legno modulare concepito per non essere mai demolito. Si tratta di un concept realizzato dai...
    Regenerative High-Rise il grattacielo in legno modulare anti-demolizione

    Il grattacielo in legno Regenerative High-Rise ha vinto la menzione d’Onore nel concorso eVolo 2022 ed è il primo grattacielo in legno modulare concepito per non essere mai demolito. Si tratta di un concept realizzato dai colossi dell’ingegneria e del Real Estate, Haptic Green e Ramboll. Gli autori di quest'idea hanno pensato di realizzare l'opera nella stazione della metropolitana Grønland di Oslo un sito dal potenziale unico, dove la metropolitana incontra il fiume sovrastante e il suo adiacente percorso ciclabile e fluviale. La nuova torre diventa quindi un collegamento verticale di queste reti di trasporto esistenti e in via di sviluppo, in particolare l'uso crescente delle vie d'acqua della città per i traghetti elettrici. La torre è una sfida dei rifiuti nell'industria delle costruzioni. La soluzione strutturale si basa sul concetto di "hard floor / soft floor", in cui la sovrastruttura della torre comprende un pavimento rigido permanente ogni tre livelli e un volume flessibile libero al di sopra. L'idea alla base della filosofia "hard floor / soft floor" è quella di allontanarsi dalle tradizionali strutture statiche e di creare una nuova tipologia di urbanistica verticale dal design rigenerativo nel suo nucleo, garantendo così una flessibilità futura per i cambiamenti. I piani rigidi sono concepiti come costruzioni composite in legno che utilizzano elementi di telaio in acciaio riciclato e piani in legno lamellare (CLT). Il sistema di supporto dei carichi verticali e laterali è costituito da una combinazione di colonne composite in acciaio lamellare e da un nucleo centrale in calcestruzzo prefabbricato. I volumi del "pavimento morbido" saranno riempiti con componenti abitativi modulari plug-and-play che possono includere strutture elementari ed elementi volumetrici completi prefiniti. I sistemi MEP "hard floor" includeranno riscaldamento, raffreddamento e ventilazione, che saranno elementi prefabbricati plug-and-play. Un obiettivo chiave per i sistemi ingegneristici del grattacielo rigenerativo è l'attenzione alla gestione delle emissioni di carbonio nel ciclo di vita. Il telaio strutturale principale è concepito come una struttura in legno-composito, che sfrutta i vantaggi offerti dal calcestruzzo prefabbricato verde, dall'acciaio riciclato e dal legno per ridurre e sequestrare il carbonio nella struttura.
    Altro
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • Ranghetti Art Proget è entrato nel gruppo ESN Academy
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
  • A maggio si è conclusa la prima parte del grande progetto, su cui la Politecnica Ingegneria ed Architettura lavora da oltre dieci anni, con BEHNISCH ARCHITEKTEN. Si tratta della costruzione di un nuovo greendistrict a Ravenna. Uno spazio fatto da uffici amministrativi, aree verdi e passerelle,...
    A maggio si è conclusa la prima parte del grande progetto, su cui la Politecnica Ingegneria ed Architettura lavora da oltre dieci anni, con BEHNISCH ARCHITEKTEN. Si tratta della costruzione di un nuovo greendistrict a Ravenna. Uno spazio fatto da uffici amministrativi, aree verdi e passerelle, progetto di riqualificazione di un'area degradata della città. Gli spazi e le facciate interior del nuovo centro amministrativo del Comune di Ravenna sono stati progettati in continuità tra le aree di lavoro e le outdoors, per una totale integrazione tra architecture e landscape. Il termine del lavoro si prevede tra pochi mesi e, quando sarà completato anche il secondo edificio per i laboratori Arpae Emilia-Romagna, il quartiere si aprirà al pubblico con nuovi spazi e strutture per il community. Il sito per i nuovi laboratori e uffici amministrativi dell'ARPA Emilia Romagna e per la nuova sede amministrativa del Comune di Ravenna si trova nella periferia ovest di Ravenna in un interessante contesto urbano, immerso nella natura. In questa situazione complessa e fuori dai confini della città principale, in un'area di transizione tra la città e la campagna circostante, il ruolo dei due nuovi edifici è quello di valorizzare e fondersi con il paesaggio che li circonda, piuttosto che con le aree edificate e le loro restrizioni funzionali. Gli edifici si svilupperanno su tre piani fuori terra, in forma di due ali al centro, e al centro ci sarà una tripla costruzione che comprende un atrio su cui si affacciano sia i tre piani di uffici e laboratori (ARPA) da un lato, sia gli uffici dei vari dipartimenti, dei dirigenti e dei progettisti e quelli aperti al pubblico (gli uffici comunali) dall'altro. "Modularità" e la "flessibilità" dei sistemi impiantistici sono stati i punti cardini del progetto dove le hall d'ingresso all'interno di ogni edificio, con i loro aspetti mantenuti liberi da qualsiasi altro piano o angolo interno (utilizzando un sistema di pianerottoli e attraversamenti sospesi), sono state progettate per fungere da veri e propri polmoni dell'edificio consentendo sia l'accumulo di calore che il trattamento delle masse d'aria così accumulate fornendo una regolazione naturale sia della temperatura che dell'umidità. L'idea progettuale è che durante i mesi estivi, la caduta dell'acqua che compone le ampie superfici delle pareti d'acqua rinfresca l'aria, consentendole di assorbire l'umidità dall'ambiente per condensazione, mentre nei mesi invernali, l'acqua fornisce all'aria riscaldata dell'ingresso l'umidità necessaria. Per lo studio di ingegneria e architettura Politecnica, l'edificio ha rappresentato una stimolante opportunità per l'applicazione di concetti progettuali avanzati, seguendo una cultura tecnologica e ambientale "sostenibile" sia dal punto di vista tecnico che economico.
    Altro
    Post is under moderation
    Stream item published successfully. Item will now be visible on your stream.
Non ci sono ancora attività.
Impossibile caricare il contenuto. Riprova.